Cronaca Alcamo

Positivo Covid semina il panico e aggredisce i carabinieri: arrestato

Protagonista un tunisino sbarcato in Sicilia un mese fa: condannato e messo in quarantena

Positivo Covid semina il panico e aggredisce i carabinieri: arrestato

 Alcamo - Un tunisino di 30 anni, sbarcato a fine luglio a Lampedusa, è fuggito dal centro di accoglienza di Alcamo (foto) e ha iniziato ad aggirarsi per il centro trapanese, inveendo e minacciando chiunque incontrasse per strada. E' successo nei giorni scorsi, ma la notizia è stata divulgata solo oggi ai media locali. Sono stati proprio i passanti, allarmati dalle escandescenze del migrante, a chiamare i carabinieri: alla loro vista l’uomo ha cercato di scappare.

Bloccato, ha affrontato i militari con calci e pugni nel tentativo di liberarsi: per questo è stato arrestato e messo in cella di sicurezza. Qui, sottoposto da prassi a tampone, è risultato positivo al Covid: un'infezione contratta sull'Isola, dato che all'arrivo era negativo. Sottoposto al rito direttissimo, oggi è stato convalidato l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e l'isolamento in quarantena in attesa dei test successivi. 


© Riproduzione riservata