Cultura Cinema

Peter Stein: in un film racconto il Grand Tour di Goethe in Sicilia

Il film sarà presentato il 25 novembre sarà presentato al Torino Film Festival, che si svolge interamente online dal 20 al 28 novembre

Peter Stein e Maddalena Crippa al teatro Italia di Scicli

Il 20 marzo 1787, il 37enne Johann Wolfgang Goethe, parte da Napoli con una nave verso Palermo per intraprendere un tour, carico di aspettative, di circa 40 giorni spinto dalla ricerca della classicità sognata e agognata.

Con slancio degno di un 'goethiano di ferro' quale è, oggi è il regista Peter Stein a ripercorrere lo stesso, identico viaggio dello scrittore, nei luoghi che vide lui per ricostruire, con lo stesso senso dell’avventura, le ragioni poetiche, ideali che portarono lo scrittore nella grande isola, considerata la 'Grecia antica' ancora reale.

E il regista di tanti capolavori teatrali lo fa attraverso un film Sulle tracce di Goethe in Sicilia (prodotto da Zivagofilm) che, nel programma del 38esimo Torino Film Festival diretto da Stefano Francia di Celle, dal 20 al 28 novembre sulla piattaforma streaming di MyMovies per le ragioni di sicurezza sanitaria, sarà presentato mercoledì 25 novembre, dalle ore 14 e per 48 ore, all’interno del focus dedicato al Paesaggio della sezione TFFDoc, a cura di Davide Oberto. Un film da vedere, per tanti motivi.

Peter Stein, grandissimo regista teatrale applaudito in tutto il mondo (ricordiamo, uno su tutti, lo splendido allestimento dei Demoni di Dostoevskij nel 2009), è anche un profondo conoscitore dello scrittore tedesco, riferimento costante del suo teatro. La summa di questo interesse fu senza dubbio un leggendario Faust nato ad Hannover nel 2000 con Bruno Ganz magistrale protagonista: 21 ore di spettacolo, una delle imprese più sontuose e folli del teatro mondiale, che Stein realizzò dopo dieci anni di studio.

Questa 'complicità' ideale con Goethe si sente anche nel film, fin dalle prime immagini quando vediamo Stein che arriva in nave davanti al Monte Pellegrino leggendo le iniziali impressioni di Goethe sull’isola, pagine importanti di quel diario dettagliato che è il celeberrimo Italienische Reise, il Viaggio in Italia, il Grand Tour nel nostro paese che lo scrittore aveva iniziato dal settembre del 1786 e di cui la Sicilia era una delle tappe conclusive. E con quel libro sottobraccio, Stein compie lo stesso viaggio: ammira gli stessi luoghi, spesso mettendo a confronto il paesaggio di oggi con quello di allora, grazie alle illustrazioni dal pittore Christoph Heinrich Kniep che accompagnò lo scrittore. In ciascuna tappa incontra un esperto, l’archeologo, il botanico, il germanista... per capire ciò che Goethe davvero vedeva, ma anche per ritrovare quella Sicilia che per lo scrittore era 'ancorata al mito'.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1606315385-3-crai.gif

Ecco dunque da Palermo il Santuario di Rosalia, in parte racchiuso nella roccia nuda, che aveva ammaliato lo scrittore tedesco per la semplicità primitiva dove ritrovare la spiritualità. Il parco botanico dove il Goethe scienziato crede di vedere la pianta originale, la Urpflanze. E poi l’orrore verso le sculture di villa Palagonia, così lontane dall’ideale classico, la delusione davanti alle rovine di Segesta e la 'riconciliazione' davanti alla maestosità del Tempio della Concordia di Agrigento....

Il viaggio goethiano del film diventa soprattutto un grande racconto dal fascino culturale e umano. Mostra con evidenza perchè per Goethe la Sicilia risolse la divergenza tra la sua immaginazione e la realtà dell’ideale classico, rappresentò,cioè, una riconciliazione col proprio pensiero. Ma è interessante anche perché vi si ritrova il sapore di una riflessione sull’essere artista, nell’intreccio con la vicenda personale di personale di Stein, tedesco radicato in Italia, che a sua volta ha cercato col teatro la semplicità e l’essenzialità dell’arte. Ma infine, risulta suggestivo anche come documentario di viaggio: la Sicilia vista attraverso lo sguardo inaudito del genio di Goethe è ancora più bella.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1606677864-3-triumph.gif

Nella foto, Peter Stein al Teatro Italia di Scicli con la compagna, l'attrice Maddalena Crippa


© Riproduzione riservata