Cultura Il painter senza volto

Sirante è tornato, in bici: intervista esclusiva al Banksy italiano VIDEO

Lo street artist senza identità lancia “Just Art”: arte a domicilio, nel cartone della pizza

  • Lo street artist senza identità lancia “Just Art”: arte a domicilio, nel cartone della pizza
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/15-04-2021/1618477799-sirante-e-tornato-in-bici-intervista-esclusiva-al-banksy-italiano-video-1-500.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/15-04-2021/1618477800-sirante-e-tornato-in-bici-intervista-esclusiva-al-banksy-italiano-video-2-500.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/15-04-2021/1618477800-sirante-e-tornato-in-bici-intervista-esclusiva-al-banksy-italiano-video-3-500.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/15-04-2021/1618477800-sirante-e-tornato-in-bici-intervista-esclusiva-al-banksy-italiano-video-4-500.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/15-04-2021/sirante-e-tornato-in-bici-intervista-esclusiva-al-banksy-italiano-video-100.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/15-04-2021/1618477799-sirante-e-tornato-in-bici-intervista-esclusiva-al-banksy-italiano-video-1-280.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/15-04-2021/1618477800-sirante-e-tornato-in-bici-intervista-esclusiva-al-banksy-italiano-video-2-280.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/15-04-2021/1618477800-sirante-e-tornato-in-bici-intervista-esclusiva-al-banksy-italiano-video-3-280.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/15-04-2021/1618477800-sirante-e-tornato-in-bici-intervista-esclusiva-al-banksy-italiano-video-4-280.jpg

 Roma - Nessuno sa chi celi quel cappuccio, se Sirante sia maschio o femmina, se sia giovane o anziano lo street artist che da anni affigge dipinti rinascimentali a tema con l’attualità per i vicoli e le strade di Roma: non scarabocchi e bombolette spray, l’artista senza volto riproduce le opere dei grandi maestri del XV e XVI secolo riattualizzandole con i volti dei potenti dei nostri tempi. Di lui hanno scritto i maggiori quotidiani nazionali, ma nessuno è mai riuscito a sciogliere l’enigma della sua identità. Neanche la Questura, che da anni perde tempo a rimuoverne i dipinti e non sa di avere in magazzino materiale per un’esposizione da battere all’asta in stile Banksy, il più celebre ma altrettanto ignoto painter di Bristol. Se non conoscete le sue tele, potete dare un’occhiata alla sua pagina Facebook o Instagram, dove ci sono anche quelle smantellate in passato dalla polizia. Sirante è stato a lungo lontano dalle sue scene, i muri delle strade e delle piazze del centro storico capitolino, ma da qualche giorno è tornato. Neanche noi, che siamo i primi a intervistarlo, sappiamo chi sia: è la condizione che deve accettare chiunque per parlarci.

Inutile dire che i lockdown hanno rappresentato una mazzata, tra le altre attività, anche alla street-art: come hai vissuto e stai vivendo l’epidemia Covid ancora in corso? E’ ed è stato un periodo molto difficile per tutti, io mi ritengo un privilegiato già solo per il fatto che non ho perso il lavoro. Per quanto concerne invece il mio progetto di street art, i vari coprifuochi hanno reso difficile mettere nuovi lavori in strada. Come la storia insegna, anche da un periodo buio però possono nascere nuove opportunità, io da questo punto di vista sono molto fiducioso. Purtroppo sono dei cicli, degli avvenimenti più grandi di noi. Credo , sempre umilmente parlando per ciò che mi riguarda, i sacrifici chiesti fin’ora sono assolutamente sostenibili. Al mondo c’è chi i sacrifici, quelli veri, li fa da sempre ogni giorno.

Il 3 luglio 2019 l’ultima tua opera apparsa sui muri della capitale, la giustizia punisce l’ingiustizia populista, poi un lungo silenzio di oltre un anno e mezzo: è dovuto al fatto che il tuo nemico numero uno, Matteo Salvini, è decaduto subito dopo dall’Interno o, red zone a parte, c’è stato anche dell’altro? Mi sono fermato per vari motivi, sia per il lavoro sia per riflettere un po’ sul mio percorso di street art. Nato così all’improvviso, e partito molto velocemente, ho sentito il bisogno di prendermi del tempo per pensare un po’. Credo che in questo ambito, almeno per me, non abbia senso programmare, è tutto molto di getto, però per fare ciò ho dovuto fermarmi un attimo, capire quali erano i messaggi che mi interessava esprimere, riflettere ad esempio sui miei lavori satirici/politici. Ho sempre fatto politica e mi appassiona molto, ma non volevo essere conosciuto come quello “ dei fotomontaggi satirici”. È un attimo finire a fare lavori banali, solo per la voglia di apparire.

All’improvviso il 2 febbraio scorso - giorno della convocazione di Draghi da parte di Mattarella - spunta un altro quadro, gli esattori dei diritti umani, dedicato all’altro Matteo. Il periodo in cui sono stato fermo, ho riflettuto come dicevo soprattutto su questo, non ho veramente resistito. Credo sia vergognosa la vicenda che ha visto coinvolto il senatore Renzi e il principe MBS. Le parole che ha usato, le modalità in cui si è svolta l’intervista… veramente agghiacciante, credo che in un paese normale Matteo Renzi l’avrebbero fatto dimettere.

Qualche giorno fa - visto che mostre, gallerie e musei non è neanche all’orizzonte - l’iniziativa Just Art: l’opera d’arte a domicilio, consegnata al fruitore nel cartone come una pizza, a una cifra simbolica che in pratica copre solo le spese. Si, per fronteggiare questa situazione, e per il fatto che non sono nessuno per dire che i musei debbano rimanere aperti, ho deciso di portare l’arte direttamente a casa. Come il delivery del cibo sfama la pancia io vorrei provare a sfamare l’anima con il delivery dell’arte.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1620224280-3-crai.gif

E’ possibile ordinare i quadri da tutta Italia, Isole comprese? Si, da questa seconda ondata di consegne l’Arte arriva in tutta Italia, isole comprese. L’obbiettivo è di far arrivare l’Arte ovunque, da nord a sud, fino ai paesini più remoti.

Farai un salto ad appendere qualche quadro in Sicilia, quando le misure lo consentiranno? Anche sull’Isola il Rinascimento a cui t’ispiri ha avuto qualche illustre rappresentante, e non mancano fatti di cronaca da rappresentare. Si, assolutamente si. Per motivi lavorativi ho vissuto per un periodo in Sicilia e… rimane nel cuore. Poi con tutta quella bellezza illuminata da quel sole arancione e rallegrata dalle persone è sempre meraviglioso tornarci. Poi come sappiamo, una terra così meravigliosa ma lacerata da anni dal cancro mafioso, argomento che da sempre mi sta molto a cuore. Quindi si, appena si potrà assolutamente si!

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1620224280-3-crai.gif

Da artista osservatore dell’attualità politica, italiana e internazionale, qual è la tua previsione sull’evoluzione delle due crisi che si trascinano parallele, sanitaria e sociale? Eh, bella domanda. Sulla crisi sanitaria preferirei non parlare, ma semplicemente perché non ho nessuna qualifica. Varianti, vaccini promessi e poi non spediti, è un po’ rincorrere la notizia non ci si capisce praticamente nulla. Credo che dobbiamo metterci l’anima in pace e aspettare. E' un momento nuovo e difficile per tutti, sia per noi cittadini sia per coloro che devono prendere decisioni. Sicuramente ci sono stati molti errori ma speriamo ora le cose vadano meglio. La crisi sociale, invece, credo che purtroppo sarà devastante. Già partivamo da una situazione non idilliaca, ora la vedo nera. Spero che questo nuovo governo gestisca al meglio i fondi che arriveranno del Recovery Fund ma sinceramente non credo assolutamente nella figura dell’uomo forte sul quale vengono proiettate le speranze di tutti gli italiani. È un governo molto distante dalle classi che sono state più colpite.

Di te so un unico dettaglio che ti è sfuggito tanto tempo fa, cioè che non appartieni alla “cerchia” dei centri sociali: ce ne riveli un altro? Che non sono un’artista.


© Riproduzione riservata