Cultura Sudafrica

Wilbur Smith, morto lo scrittore dei romanzi d’avventura. Un VIDEOricordo

Wilbur Smith, morto lo scrittore maestro dei romanzi d’avventura: aveva 88 anni. Dalla serie egiziana alla saga dei Courtney: mezzo secolo di successi.

Wilbur Smith, morto lo scrittore maestro dei romanzi d’avventura: aveva 88 anni

Sudafrica - E’ morto Wilbur Smith, maestro dell'avventura Autore di best seller di successo mondiale, aveva 88 anni. Tra i suoi maggiori successi: "Il destino del leone", "La spiaggia infuocata", "Il dio del fiume", "Il settimo papiro", "Come il mare"
A dare la notizia il suo sito web: "Se n'è andato in modo inaspettato, dopo una mattinata di lettura e scrittura, con al fianco la moglie Niso”. Lo scrittore aveva 88 anni e viveva a Cape Town in Sudafrica con la quarta moglie Niso.

Con 49 romanzi pubblicati e oltre 140 milioni di copie vendute, è uno degli autori più prolifici al mondo
Autore di bestseller globali che hanno conquistato i lettori per oltre mezzo secolo. Quarantanove romanzi. Tutti bestseller. Wilbur Smith con la sua scrittura ha trasportato i lettori nelle miniere d’oro in Sud Africa, nella pirateria dell’Oceano Indiano e, ancora, come si legge in una nota, tra i tesori sepolti delle isole tropicali fino all’antico Egitto. Ma non solo. I suoi fan hanno potuto “vivere” nella Germania e nella Parigi della seconda guerra mondiale, in India, nelle Americhe, in Antartide “incontrando spietati commercianti di diamanti e schiavi, cacciatori di grossa selvaggina nelle giungle e nella boscaglia delle terre africane”. I suoi romanzi sono stati tradotti in oltre trenta lingue, vendendo oltre 140 milioni di copie in tutto il mondo. Tanti i titoli più conosciuti, dalla serie dei Courtney, la più venduta e la più lunga della storia dell’editoria, che, appunto, racconta le avventure della famiglia in tutto il mondo attraverso più generazioni e tre secoli, dagli albori dell’Africa coloniale, alla guerra civile americana, alla serie egiziana, con l’eroe Taita, nel quale Smith, spiegano i suoi collaboratori, si è identificato.


© Riproduzione riservata