Economia Bonus sociale

Bollette luce, acqua e gas: cosa cambia dal primo gennaio 2021

Tra le novità in arrivo dall’anno prossimo, gli sconti automatici estesi a redditi e pensioni di cittadinanza

Bollette luce, acqua e gas: cosa cambia dal primo gennaio 2021

 A partire dal primo gennaio 2021 lo sconto sulle bollette di luce, gas e acqua – per le famiglie numerose o disagiate  - diventerà un'agevolazione automatica. Stop all’invio delle richieste, dunque: ci penserà l’Arera  (Autorità per l’energia, le reti e l’ambiente)a calcolare a chi spetta il bonus e a scalarlo dagli importi dovuti. Nel 2019 oltre 970mila famiglie hanno ottenuto il bonus elettrico per disagio economico (reddito molto basso) o fisico (persone con gravi problemi di salute all’interno del nucleo), 558mila il bonus gas e 447mila quello idrico.  

Secondo i nuovi calcoli, che dipendono dal numero di componenti, dal prossimo primo gennaio lo sconto sarà in media:  125 euro per famiglie con massimo 2 componenti; 148 euro fino a 4 componenti; 173 euro con più di 4 componenti. Lo sconto luce per disagio fisico, invece, nel 2020 è oscillato tra  185 e 663 euro. Si calcolano in circa 2 milioni e mezzo gli aventi diritto. Sono le stesse categorie già interessate dall’attuale bonus, con la presenza di almeno uno dei seguenti requisiti: Isee fino a 8.265 euro per tutti e tre i bonus; Isee fino a 20mila euro per nuclei con almeno 4 figli a carico; malati gravi che hanno bisogno di apparecchiature elettriche salvavita; e, questa è la vera novità, anche i titolari di reddito o pensione di cittadinanza. La somma sarà erogata in un'unica soluzione, direttamente sulle bollette.  Per ogni informazione Arera ha messo a disposizione degli utenti un numero verde 800166654 e una sezione ad hoc sul proprio sito, bonusenergia.anci.it.


© Riproduzione riservata