Economia Il progetto

Covid e non solo, la grande fabbrica italiana di vaccini sarà in Sicilia?

Musumeci presenta il piano a governo e privati, un terzo polo chimico-industriale nelle campagne di Carini

https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/03-11-2021/covid-e-non-solo-la-grande-fabbrica-italiana-di-vaccini-sara-in-sicilia-500.jpg Musumeci presenta il piano a governo e privati, un terzo polo chimico-industriale nelle campagne di Carini

 Palermo – Può sembrare paradossale che l’idea venga proprio dal presidente della regione che è sempre stata ultima nella campagna vaccinale, quella dei “furbetti” prima dello scavalco e poi della fuga dalla fila all’hub, terra di conquista di no vax e no pass infiltrati fin dentro Palazzo d’Orleans. Eppure è così: dopo il tentativo andato a vuoto di accreditare il centro di ricerca Aten dell'Università di Palermo, Nello Musumeci rilancia il sogno di una fabbrica di vaccini e anticorpi monoclonali - in grado di rifornire non solo la Sicilia, ma l'Italia intera - puntando sui soldi del Pnrr e sui colossi Rimed e Ismett.

Ha già trovato anche il posto: i 9 ettari di terreno dell’area di Carini, dove sono già in costruzione il campus biomedico Rimed (nella foto il rendering), che dovrebbe essere terminato entro il 2023; e l'ospedale Ismett 2 ecosostenibile firmato Renzo Piano, i cui lavori sono dati invece per conclusi ad agosto 2026. Più o meno quando anche la grande fabbrica di vaccini sarà pronta. Il governatore ha scritto alla ministra del Sud Mara Carfagna per candidare l'Isola a diventare il più grande laboratorio di produzione di vaccini del Mediterraneo, "gestito secondo un modello di partenariato pubblico-privato già consolidato".

Evidentemente rivolti agli altri, visto che qui le iniezioni non decollano ancora e fioccano anzi le richieste di esenzione. Sieri di ogni tipo, non solo anti Covid: "Il premier Draghi ha ribadito che nei prossimi anni dobbiamo abituarci ad avere a che fare con pandemie ed emergenze sanitarie” afferma lungimirante l'assessore alla salute Ruggero Razza. Sarebbe un colpaccio: anche il vaccino nazionale Reithera è fallito e finora in Italia nessuno è mai stato autorizzato alla produzione.


© Riproduzione riservata