Economia Treni

Trapani-Siracusa in 10 ore: lo stato delle ferrovie siciliane

Quasi metà della rete non è elettrica, e 6 province restano tagliate fuori dai fondi

Trapani-Siracusa in 10 ore: lo stato delle ferrovie siciliane

 Siracusa - Per andare da Trapani a Siracusa in treno ci vogliono dieci ore, salvo ritardi e da stazione a stazione, senza ulteriori spostamenti. In macchina ne bastano 4 e mezza, salvo incidenti e al netto dei cantieri. Non parliamo degli altri mezzi del trasporto pubblico a bordo dei quali, secondo  Google Map (foto), ce ne vogliono quasi 20. Ma tornando ai treni: mentre l’Isola s’appresta ad accogliere trionfalmente l’entrata in servizio delle Freccebianche, il doppio binario copre ancora solo il 15% della rete e il 46% dei suoi 1.490 km non è nemmeno elettrificato.

Lo riporta l'ultimo report "Pendolaria" di Legambiente evidenziando il gap siciliano anche rispetto ad altre regioni del Sud, come Puglia e Campania, sia sul doppio binario e ancor più sull’elettrificazione: ne è privo quasi metà tracciato, ovvero 700 chilometri. L'obiettivo che si vorrebbe raggiungere con i finanziamenti del Pnrr è guadagnare 45 minuti - entro il 2026 - sull’asse Messina/Palermo/ Catania, portando il viaggio a 2 ore e un quarto.

Tutto il resto del territorio, non compreso nel triangolo delle città metropolitane, può andarsi a far benedire: non c’è manco un euro di investimento nei trasporti su rotaia. E' il classico serpente che si morde la coda: i passeggeri non sono certo incoraggiati dal lacunoso servizio (47mila siciliani al giorno contro 150mila pugliesi e 261mila campani), che dunque per la maggior parte delle altre province resta fermo al capolinea.


© Riproduzione riservata