Giudiziaria Muggiò

Il santuario ricoperto di bestemmie, dietro c’è un disegno satanista

La pista di una setta o di un esaltato solitario dietro i raid blasfemi in Brianza

 Muggiò - Decine di bestemmie scritte con una bomboletta spray nera sulla facciata del Santuario della Madonna del Castagno di Muggiò, in provincia di Monza. È successo venerdì scorso ma l'atmosfera nel piccolo centro brianzolo si sta facendo sinistra, perché non è la prima azione a carattere blasfemo della storia recente di Muggiò: le cronache locali riportano di diversi i luoghi di culto obiettivi di atti vandalici e incendiari, tra la scorsa estate e le ultime settimane.

La platealità dell'ultimo raid, unito ai precedenti, fa temere agli inquirenti che i gesti non siano isolati ma collegati tra loro. La facciata della chiesa è stata ripulita dai fedeli, ma qualche giorno fa è stato il portone di ingresso della chiesa di Muggiò a restare annerito da un incendio: le fiamme sarebbero partite dallo zerbino, per cause dolosi. Stessa sorte, poco tempo addietro, per la porta in legno della parrocchia di San Carlo, bruciata dal fuoco appiccato da un individuo ripreso dalle telecamere di sorveglianza stradali ma rimasto ignoto.


© Riproduzione riservata