Lettere in redazione Pozzallo

Il pedaggio sulla circonvallazione di Pozzallo? 385 euro, prego! FOTO

Riceviamo e pubblichiamo

Pozzallo - Circonvallazione di Pozzallo. Questa strada è stata aperta al traffico da un mio carissimo amico assessore, in giunta provinciale, non mi ricordo che anno era. Forse il 2007. Da allora non è stata più fatta manutenzione.
Giunti di espansione su cavalcavia in ferro che escono fuori dalle sedi e che tagliano tutto, carne e ossa, figuriamoci uno pneumatico.
Strada dissestata in più punti, con voragini di 30/40 cm di profondità, che spuntano fuori all’improvviso sul manto stradale. Quadrati di asfalto rilasciati a casaccio sul manto stradale a dimostrazione del teorema che “la pezza è peggio del buco”.
Dislivelli tra cavalcavia e piano stradale che diventano un muro se percorsi a velocità superiori a 30 km l’ora.
Quel che ne viene fuori è che la circonvallazione di Pozzallo dovrebbe essere chiusa al transito, non è percorribile in sicurezza.
É un pericolo per gli automobilisti. È un disastro per le auto.

A chi chiedere i danni?
A una Provincia regionale che non esiste, a un governo comprensoriale che non c’è? Al sindaco di Pozzallo che non si assume la responsabilità di chiudere questa arteria stradale di snodo che crea solo danni a cose e uomini? 
Siamo alla deriva, consentitemi. 
Se cercate sul web c’è tutta una letteratura al riguardo. Un racconto dell’orrore, vario e puntuale, degli incidenti occorsi sulla circonvallazione stradale ex Asi, ex perchè l’ASI non esiste più, nel pozzallese.
Ma nessuno piglia provvedimenti.

Venerdì sera, dovendomi recare in aeroporto a Catania, ho preso la strada in questione, bucando una ruota. Ho dovuto sostituire il treno di gomme anteriori, per un costo totale di 385 euro. E' il pedaggio che si paga a Pozzallo, signori. 


© Riproduzione riservata