Moda e Gossip Sfilate FW21

Gucci "Aria": la sfilata autunno inverno 2021

Gucci presenta la nuova collezione autunno inverno 2021 con un film co-diretto da Floria Sigismondi e Alessandro Michele.

Gucci ha presentato "Aria", la collezione autunno inverno 2021 con un film diretto dalla pluripremiata regista e fotografa Floria Sigismondi, insieme al direttore creativo del brand, Alessandro Michele. La collezione si chiama "Aria". Un nome semplice, italianissimo, di estrema necessità: "un'immersione profonda ed estatica in tutto ciò di cui sentiamo un'anelante mancanza: una celebrazione del respiro."

Questa collezione coincide con il centenario del marchio, occasione per Alessandro Michele di immergersi nella storia di Gucci e proporre una personale visione della mitologia che avvolge il brand. Dall'entrata di Michele in Gucci nel 2015 è su questo concetto che si regge l'estetica del marchio: una riproposizione ossessiva degli elementi fondanti della casa di moda. In questa occasione specifica, il designer comincia dalle primissime origini del marchio omaggiando il fondatore, interpretando elementi riconducibili al mondo equestre, a prodotti e stampe iconiche, all'estetica di Tom Ford e al glamour anni '40 delle star hollywoodiane.


Un look della collezione autunno inverno 2021 Gucci "Aria"

"Aria" infatti si apre all'esterno del "Savoy Club", omaggio al Savoy Hotel di Londra, dove il fondatore Guccio Gucci lavora come "liftboy" (un po' facchino, un po' ascensorista) nelle sue prime esperienze lontano da Firenze. Prima di entrare nel club, il personaggio inquadrato intravede dallo spioncino un paesaggio verdissimo, paradisiaco che non ritroviamo una volta varcato l'ingresso. Non subito.

I protagonisti sono "desiderosi di attraversare la porta del Savoy Hotel, cento anni più tardi". La porta si apre e le prime note del brano "Gucci Gang" di Lil Pump filtrano dall'ingresso. Un corridoio buio seguito da un'abbagliante passerella, un red carpet asettico con le pareti ricolme di flash ammassati come fotografi agguerriti, incastrati tra loro per appropriarsi di uno scatto.

Al primo personaggio si uniscono tutti gli altri invitati - alcuni di loro intravisti nei primi frame all'esterno del club. Sono tutti pronti a festeggiare con look che appaiono tributi chiarissimi e sempre originali alla storia del brand. Elementi del mondo equestre come pantaloni e stivali da cavallerizza, caschi da equitazione e frustini, si spogliano del perbenismo borghese, deviati verso un'estetica sadomasochista. Il mondo equestre si trasforma in una "cosmogonia fetish" con choker e cinturini di pelle che fasciano il corpo.


Ultimo look della collezione autunno inverno 2021 "Aria"

I look si animano di quella tensione sessuale sprigionata da Gucci ai tempi di Tom Ford sulle note di canzoni tributo al brand, da "Green Gucci Suit" di Rick Ross e Future a "Gucci Coochie" di Die Antwoord e Dita Von Teese. Sotto i riflettori sfilano Bamboo Bag perfette, tailleur vividi e lucidissimi, voluminose giacche con bordatura di piume o con spalline posticce, pantaloni con ricami jacquard o con paillettes multicolore, cappotti con inserti di pelle, vaporose maniche di pelo e gonne di lamé plissettate.

I gioielli, compresi septum pendenti di cristalli, sono preziossimi ed estremamente glamour. Anche il cuore diventa un accessorio luccicante da portare con cura e fierezza sul palmo della mano o da indossare a tracolla.
Avvistata pure la tanto chiacchierata collaborazione con Balenciaga, che passa inosservata tra la meraviglia dei look che si susseguono.

All'improvviso lo stupore e la sorpresa dell'Aria: i ragazzi, tutti riuniti in un atrio buio, aprono il varco verso il giardino paradisiaco sbirciato dallo spioncino nella scena iniziale. Lo spazio è luce e aria. La melodia di "Waiting for Stars" di Vitalic accresce vibrante la meraviglia dei ragazzi. Il desiderio è di muoversi, guardarsi, avvicinarsi, baciarsi. Di avvolgersi in un abbraccio, anche tra due cavalli bianchi. I protagonisti, estasiati, si elevano nell'aria, spiegano le ali come i pavoni bianchi che spiccano il volo maestosi e finalmente liberi


© Riproduzione riservata