Moda e Gossip Milano Fashion Week 2021

La Milano Fashion Week 2021 si chiude a teatro

L'ultimo giorno della Settimana della Moda milanese si chiude con la sfilata di Valentino autunno-inverno 2021 al Teatro Piccolo di Milano.

  • Art Collection di Valentino
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/01-03-2021/1614635750-la-milano-fashion-week-si-chiude-a-teatro-1-500.jpgMSGM, FW21
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/01-03-2021/1614635750-la-milano-fashion-week-si-chiude-a-teatro-2-500.jpgMSGM, FW21
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/01-03-2021/1614635750-la-milano-fashion-week-si-chiude-a-teatro-3-500.jpgValentino, FW21
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/01-03-2021/la-milano-fashion-week-si-chiude-a-teatro-100.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/01-03-2021/1614635750-la-milano-fashion-week-si-chiude-a-teatro-1-280.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/01-03-2021/1614635750-la-milano-fashion-week-si-chiude-a-teatro-2-280.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/01-03-2021/1614635750-la-milano-fashion-week-si-chiude-a-teatro-3-280.jpg

Si è conclusa oggi la Milano Fashion week 2021. E' ancora possibile recuperare i video di presentazione sulla piattaforma Milano Digital Fashion Week, anche se ad accogliervi vi sarà un saluto: "See you next season", alla prossima stagione! Chiuso il sipario della Settimana della Moda, si apre domani sera quello sul palco di Sanremo.

L'Ariston non è l'unico teatro ad aprire le porte dopo un anno di chiusura forzata. Questo pomeriggio grazie a Maison Valentino anche il Teatro Piccolo di Milano ha ri-preso vita. Un gesto concreto, che il direttore creativo Pier Paolo Piccioli definisce "punk" perché "radicale": in un momento in cui l'attività sociale più antica di sempre, quella del teatro, è stata messa al bando, Valentino invita alla condivisione, all'aggregazione.


Maison Valentino, FW21

Il Teatro Piccolo, "un luogo che per Milano è simbolico di un modo consapevole e progressista di fare cultura" è il vero palcoscenico della sfilata "Valentino Art Collection". La colonna sonora è la meravigliosa voce di Cosima, che canta accompagnata dalla melodia dell'Orchestra Verdi. A contrastare il rosso delle poltrone simbolicamente vacanti, la collezione si forma attorno a due colori a loro volta in opposizione: bianco e nero. Una scelta decisa, netta come i tagli dei capi. Lembi cuciti insieme con attaccature sottili, in un equilibrio costruito sull'abito finito. Il risultato è un motivo ricorrente: la lavorazione a rombi. Bianco e nero. Oppure solo nero.

Le proporzioni sono diverse: capi più corti per mettere a fuoco le esigenze di una nuova generazione che ha visioni inevitabilmente diverse dalle precedenti. Ecco allora che anche le prospettive negli abiti cambiano: le giacche da uomo si fanno cappe, gonne e pantaloni si accorciano, le calzature si alzano. Fino ad arrivare a un modo di vestire che accomuna quanto mai prima uomini e donne. Il sentimento della collezione, che è poi l'immagine del Valentino creato da Piccioli, è sensuale, romantico, nuovo. Non detta regole, ma (ac)coglie le richieste di una generazione che scalpita per il cambiamento.


MSGM, FW21

Durante questa Fashion Week, non è solo Valentino ad avere riportato al teatro i nostri pensieri "isolati". MSGM ha presentato la collezione autunno/inverno 2021/2022 nel Teatro Manzoni di Milano. Il video di Francesco Coppola ripercorre a ritroso i passi dei pochi spettatori in platea. Non sono modelli professionisti, ma artisti e artigiani vestiti con gonne, pantaloni, top e cappotti di lattice riciclato, abiti di paillettes e decollete cangianti. Li vediamo sfilarsi vestiti, che a seguire la linea temporale in realtà si stanno mettendo addosso, chiusi nei palchetti delle gallerie. Soli, in un teatro vuoto.

Di sottofondo la canzone di Gea Politi, curatrice di questo progetto, editor e direttrice di Flash Art. Le parole che sentiamo non vengono pronunciate al contrario, in un gesto di rimpianto, ma sono proiettate in una "Milano today, Milano Domani". Una Milano che "cambia senza cambiare". E' un gesto d'amore che il direttore creativo Massimo Giorgetti dedica alla città, che (ri)parte anche e soprattutto dal teatro, fabbrica della cultura.


© Riproduzione riservata
https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1618911747-3-minauda.jpg