Sanità Ragusa

Ragusa, quel che può Aliquò

Un manager competente

Ragusa - Ieri, nella prima mattinata, accompagnato dal direttore amministrativo, dr. Salvatore Lombardo, ha incontrato il dr. Salvatore Lucio Ficarra, commissario straordinario uscente, per effettuare il passaggio formale delle consegne.

Reciprocamente si sono augurati un proficuo lavoro sempre nell’interesse dei bisogni sanitari delle persone.

Il Direttore ha subito effettuato un giro negli uffici di piazza Igea per salutare i dipendenti. Nel pomeriggio si è recato presso il nuovo ospedale Giovanni Paolo II, a fare gli onori di casa il direttore sanitario degli ospedali di Ragusa, dr. Pasquale Granata e il suo staff. «È solo una visita veloce conto, nei prossimi giorni di ritornare e visitare anche gli altri ospedali dell’Azienda e tutti gli Uffici.» ha dichiarato il dr. Aliquò.

Nell’affollata conferenza stampa, Aliquò, ha ribadito la sua gioia di essere ritornato a Ragusa - «sono stato scelto dal Governo regionale, cui sono grato, ma anche dai cittadini del territorio. Sono carico di entusiasmo e pronto ad affrontare, con grande senso di responsabilità, le sfide che si presentano oggi e quelle di domani. Desidero guardare avanti facendo tesoro dell’esperienza che in questi anni passati, lontano da qui, ho maturato. Sono qui per garantire servizi sanitari efficienti ed efficaci. Ho la consapevolezza che dovrò affrontare numerosi problemi legati gli ospedali, ma anche il territorio necessità di grande attenzione. È mio precipuo intendimento adottare un approccio dove il paziente dev’essere al centro del sistema sanitario, non solo come oggetto di cure e assistenza ma anche come valutatore di quello che funziona bene, o meno bene, o, addirittura, male. I cittadini devono essere interlocutori dei medici e degli operatori nella valutazione dell’appropriatezza delle cure, ribadisco il concetto di “centralità del paziente”. I cittadini devono avere fiducia nella nostra Azienda. Questo dev’essere il nuovo modo di affrontare la gestione del Servizio Sanitario e sono sicuro che anche l’Assessore della Salute sia concorde con questo indirizzo.»

Un passaggio è stato dedicato all’apertura del satellite del Bonino Pulejo, «certo, sono rammaricato che questo struttura, così importante e che ho fortemente voluto, a suo tempo, non è ancora realizzata. Tuttavia, adesso faremo più in fretta possibile e mi piacerebbe aumentare gli attuali posti. Questa Azienda deve diventare attrattiva non solo per i cittadini del territorio ma anche di 68li fuori provincia. Un ruolo importante è per me la Comunicazione che ci permette di avere un feedback con tutti gli attori della società, utile al confronto e al miglioramento della qualità dei servizi sanitari. Questo è il mio lavoro, che ho scelto e che mi piace fare.