Benessere Diete orarie

Dieta Lemme, menu

La versione vegetariana

La dieta Lemme, uno dei metodi più in voga per perdere peso velocemente, si basa sull’analisi dell’indice glicemico e dalla composizione chimica degli alimenti ma prende in considerazione anche l’orario in cui si consumano i pasti e il legame tra essi e l’insieme degli enzimi che compongono i nostri organi e che è variabile nel tempo.
Seguendo il menu della dieta Lemme si dimagrisce come con altri regimi dietetici ipocalorici ma, come per tutte le diete di questo tipo, è bene affidarsi a un medico nutrizionista per evitare di improvvisare e trovarsi magari a soffrire di squilibri metabolici che potrebbero avere conseguenze negative sull’organismo.

Come funziona la dieta Lemme
Il menu previsto dalla dieta Lemme può essere di tipo onnivoro, vegetariano, o vegano e ognuno di questi percorsi si divide in due fasi: la prima fase, quella del dimagrimento, e la seconda, quella del mantenimento.

Il menu della dieta Lemme prevede anche di assumere una sorta di filosofia alimentare che non prevede porzioni precise da assumere e alimenti del tutto vietati come zucchero, dolcificanti, sale, pane, latte, formaggi e aceto.
Gli alimenti stranamente consentiti nel menu della dieta Lemme sono l’olio extravergine di oliva, tè, caffè, spezie e anche la frittura.
Nella fase del dimagrimento è necessario comunicare al medico tutte le variazioni, sia in termini di peso sia di centimetri, per aggiustare il menu a seconda delle esigenze. Dopo aver raggiunto l’obiettivo si segue la seconda fase, quella di mantenimento, che dura tre mesi e si basa più che altro sull’acquisizione di una determinata educazione alimentare.

Ecco un esempio di menu settimanale previsto dalla dieta Lemme:
Primo giorno
A colazione 100 g tacchino e una tazza di caffè. A pranzo filetto di manzo e caffè. A?cena pesce spada e caffè.
Il secondo giorno si ripete lo stesso menu.
Terzo giorno
A colazione100 g di pasta con olio e peperoncino e una tazza di caffè, a pranzo petto di pollo e caffè e a cena sogliola e caffè.
Il quarto giorno si ripete il menu del secondo giorno.
Il quinto giorno
A colazione: carciofi e caffè, a pranzo fiorentina e caffè e a cena orata e caffè.
Il sesto giorno si ripete lo schema del quinto giorno.

La versione vegetariana della dieta Lemme
Come visato sopra la dieta Lemme e essenzialmente a base di proteine e povera id carboidrati ma esiste una variante vegetariana per chi non ama carne e pesce che vengono sostituiti e dal consumo di verdure ricche di proteine vegetali, anziché animali.
Ecco un esempio di menu dieta Lemme in versione vegetariana: a colazione caffè non zuccherato e frutta, per spuntino di metà mattina tè con limone, a pranzo spaghetti olio e peperoncino e a cena hamburger vegetale o zuppa di verdure verdi.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1576251650-3-porto-turistico.gif

Regola da seguire per rendere efficace la dieta Lemme
Consumare i pasti sempre a un orario definito: colazione entro le 9.30, pranzo tra le 12 e le 14 e cena tra le 19 e le 21. Previsti anche due spuntini, uno a metà mattina, tra le 11 e le 12, uno nel pomeriggio, tra le 16 e le 17.
In caso di regime vegano la dieta Lemme prevede il solo consumo di verdure ma necessita dell’integrazione di ferro, vitamina B12, vitamina D e Omega 3 che sono contenuti anche in tanti alimenti ma non in quantità sufficienti per un vegano.