Benessere Mal di pancia

La dieta in caso di diarrea: cosa mangiare

L'alimentazione può venirci in aiuto per diminuire questo sintomo e quindi accelerare la guarigione

La dieta in caso di diarrea: cosa mangiare

L'intestino è un organo fondamentale grazie a cui i nutrienti contenuti negli alimenti possono essere assorbiti dal nostro organismo. Talvolta può andare incontro a qualche problema, uno di questi è la diarrea. Con questo termine si fa riferimento a un disturbo dell'intestino che si caratterizza per scariche frequenti (solitamente più di tre al giorno) di feci liquide o semiliquide. Si tratta in ogni caso di un sintomo e non di una patologia. Può accompagnarsi anche a crampi, dolore e gonfiore addominale, febbre. Nella forma acuta generalmente dura per uno-due giorni e si risolve spontaneamente senza che sia necessario ricorrere a trattamenti specifici. Si definisce cronica quando invece i sintomi perdurano per un periodo superiore alle due settimane. Spesso la diarrea ha una origine infettiva ma a determinarla vi sono moltissime cause. E' importante quindi rivolgersi a un medico per individuare la causa che è all'origine di questa alterazione della motilità intestinale. Tuttavia l'alimentazione può venirci in aiuto per diminuire questo sintomo e quindi accelerare la guarigione. Alcuni alimenti infatti andrebbero evitati o comunque limitati nel periodo in cui questo disturbo è presente.

Dieta in caso di diarrea: gli alimenti consigliati
Uno dei sintomi che caratterizzano la diarrea è la diluizione delle feci che possono presentarsi liquide. E' importante recuperare quindi i liquidi e i sali minerali persi. Per farlo può essere utile introdurre nella dieta alcuni alimenti.
1. Per reidratare l'organismo è necessario assumere molti liquidi, che però andranno assunti poco per volta. Bisogna bere frequentemente a piccoli sorsi, per dare tempo alla mucosa intestinale di assorbire l’acqua.
2. A colazione il classico latte, cappuccino e caffè andranno evitati. Al loro posto potete optare per un tè al limone. Potete accompagnare questa bevanda con una fetta di pane tostato. Il tè al limone può essere assunto anche a metà mattino e a metà pomeriggio per attenuare l'appetito. Anche la camomilla, a cui aggiungere del succo di limone, ha un effetto astringente e quindi è utile in caso di questo problema.
3. A pranzo potete optare per del riso in bianco accompagnato da un filo d'olio. A cena invece potete scegliere del pollo al vapore accompagnato dalle carote. Questi gli altri alimenti utili in caso di diarrea: pane bianco tostato, formaggi freschi non fermentati, uova, lattuga, spinaci, patate, carne magra, bresaola, ananas, banane, pompelmo, pesche e mele.
4. Evitate i dolci, soprattutto quelli elaborati, gelati e caramelle. Anche alcuni dolcificanti, quali il mannitolo e sorbitolo, vanno evitati perché hanno un effetto lassativo e quindi potrebbero esacerbare il sintomo della diarrea.
5. Da limitare le verdure, in particolare quelle che contengono più fibre, in quanto aumentano la motilità intestinale con conseguenze che potete facilmente immaginare.
6. Da evitare le bevande gassate, quelle contenenti caffeina, i succhi di frutta che contengono fruttosio o sorbitolo, e le bevande alcoliche perché sono disisdratanti.


© Riproduzione riservata