Benessere Pelle e alimentazione

Acne: gli alimenti per una dieta corretta

Le sue cause sono ormonali, genetiche e ambientali

L'acne è un disturbo della pelle che colpisce in particolare gli adolescenti. Risulta in effetti frequente soprattutto tra i 13 e i 20 anni. Si manifesta con i "brufoli" che sono dei foruncoli infiammati o con del liquido al loro interno (pus). Vi contribuiscono diversi fattori che agiscono sinergicamente tra loro. Tra i più importanti ricordiamo quelli ormonali, genetici e ambientali. Tra le cause che possono determinare questa patologia cutanea sono da annoverare anche le abitudini nutrizionali scorrette. Ed è proprio di queste che andiamo ad occuparci in questo articolo.

Alimenti in caso di acne: raccomandazioni dietetiche generali
Sono da privilegiare gli alimenti a basso indice glicemico, in quanto l'insulino-resistenza sembra essere una condizione che si associa allo sviluppo dell'acne giovanile. Rientrano nella dieta anti-acne anche gli alimenti che contengono pochi grassi saturi. I cibi vanno cotti al vapore, al microonde, alla griglia, alla piastra o con padella antiaderente, invece vanno evitati altri metodi di cottura, quali la frittura o la bollitura. Da limitare, e questa raccomandazione dietetica vale già per la popolazione in generale, invece l'assunzione di cibi e bevande ricche di zuccheri. La frutta e la verdura invece vanno consumate in abbondanza.

Acne: alimenti permessi
1) E' molto importante bere almeno 1,5-2 litri di acqua al giorno per depurare l'organismo dalle tossine. Ciò contribuirà a mantenere la pelle fresca e luminosa.
2) Frutta e verdura di stagione. Si possono consumare ogni giorno due o tre frutti di dimensione media. La verdura cruda o cotta invece va consumata in porzioni abbondanti, in particolare si consiglia il consumo di pomodori, carote, e mele, albicocche, fragole per quanto riguarda la frutta.
3) Pesce. Potete consumarlo tre volte alla settimana. In particolare prediligete salmone, sardine e sgombro che sono pesci ricchi di omega-3 e omega-6, acidi grassi essenziali che hanno effetto nel contenere l'acne.
4) Legumi e cereali integrali. Questi ultimi sono utili a tenere sotto controllo l'indice glicemico. I legumi invece vanno consumati almeno due volte a settimana.
5) Affettati. Sono ammessi ma con moderazione. Ad esempio il prosciutto cotto o quello crudo sgrassato e la bresaola vanno consumati per non più di due volte alla settimana.
6) Condire gli alimenti con l'olio extra vergine di oliva, in quanto contiene vitamina E, che è molto utile per il benessere della pelle.
7) Yogurt probiotici. Se si assumono con costanza favoriscono la regolarità intestinale e quindi si evita che la mucosa dell’apparato digerente possa infiammarsi.
8) Formaggi da consumare due volte alla settimana in sostituzione di carne e uova. Da prefrire il Grana Padano Dop che contiene una buona percentuale di grassi insaturi sui grassi totali.
Da evitare invece le bevande gassate, i dolciumi, il cibo da fast-food, in quanto alterano i livelli degli zuccheri nel sangue. Da scartare anche gli alimenti confezionati, i dolciumi e i prodotti da forno. Ogni tanto possiamo concederci uno strappo alla regola, ma si tratta in ogni caso di alimenti che non possono far parte della dieta quotidiana perché tra gli altri, hanno effetti negativi anche sulla pelle e quindi possono favorire proprio l'acne.


© Riproduzione riservata