Benessere Dieta monoalimento

Dieta della zucca: depura e fa dimagrire

La dieta della zucca consente di tornare in forma in pochi giorni

La zucca è un tipico ortaggio autunnale dal caratteristico colore arancione. E' presente sulle nostre tavole soprattutto nei mesi di ottobre e novembre. Appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee, è originaria dell'America centrale. E' composta in prevalenza di acqua (92%), la parte restante contiene zuccheri, proteine e grassi, oltre che fibre che aumentano il senso di sazietà e facilitano la regolarità intestinale e aiutano contrastare la ritenzione idrica. Buono anche l'apporto di sali minerali, in particolare magnesio, fosforo e potassio. Fornisce anche un ottimo apporto di vitamina A, C ed E, oltre alle vitamine del gruppo B, Vitamina T e vitamina K, la prima accelera il metabolismo la seconda favorisce la coagulazione del sangue. La zucca è quindi un alimento che per le sue proprietà può rientrare a pieno titolo nel contesto di una dieta dimagrante. La dieta della zucca consente di tornare in forma in pochi giorni.

Dieta della zucca: caratteristiche
Permette di perdere fino a 8 chili in due settimane. Per far sì che la dieta possa andare a buon fine è necessario il rispetto di alcune regole fondamentali per non pregiudicare i risultati. Si tratta di raccomandazioni dietetiche generali. In questo senso è necessario bere almeno due litri di acqua la giorno. Questo lo schema settimanale da seguire

Lunedì
colazione: una tazza di the verde con uno yogurt magro.
pranzo: 60 grammi di pasta integrale oppure riso con zucca.
cena: una zuppa base di cipolle (50 grammi) zucca (100 grammi) e patate (50 grammi).

Martedì
colazione: latte scremato (200 ml) accompagnato da 3 biscotti integrali e una tazzina di caffè.
pranzo: pasta con zucca e ceci (50 grammi) e un uovo sodo accompagnato da verdura scelta.
cena: minestrone di zucca e verdure miste, insalata mista e petto di pollo (150 grammi)

Mercoledì
colazione: un vasetto di yogurt magro da 125 grammi, 30 grammi di cereali integrali e un caffè.
pranzo: zuppa preparata con verdure nelle seguenti quantità: 50 grammi di farro, 200 grammi di zucca, 2 cucchiai di lenticchie, rosmarino e prezzemolo; 30 grammi di pane.
cena: risotto zucca e zafferano (60 grammi) 150 grammi di gamberetti e insalata mista.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1492239221-3-ecodep.gif

Giovedì
colazione: latte scremato (200 ml) accompagnato da un caffè e tre biscotti integrali.
pranzo: pasta integrale (70 grammi) con piselli freschi (10 grammi) e zucca al vapore (250 grammi).
cena: carne magra (180 grammi) zucca bollita (250 grammi) e a scelta della frutta.

Venerdì
colazione: yogurt magro (125 grammi) e cereali integrali (30 grammi)
pranzo: carpaccio di pesce spada al limone, zucca gratinata cotta al cartoccio (250 grammi) e pane integrale (30 grammi).
cena: petto di pollo alla griglia oppure della zucca da consumare bollita oppure al vapore.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1492239221-3-ecodep.gif

Sabato
colazione: latte scremato (250 ml) con 3 biscotti integrali e una tazzina di caffè.
pranzo: tacchino (130 grammi) zucca gratinata al forno (250 grammi).
cena: riso integrale con piselli (60 grammi) 250 grammi di zucca a cubetti al cartoccio (250 grammi), insalata mista con tonno al naturale.

Domenica
colazione: latte scremato (200 ml) più 30 grammi cereali.
pranzo: pasta integrale al pomodoro (70 grammi) e una insalata di legumi (fagioli 70 grammi, piselli 100 grammi).
cena: polipo (150 grammi) zucca gratinata al forno (250 grammi) e una coppa di mirtilli.
La zucca tuttavia comporta delle controindicazioni. In particolare chi soffre di colon irritabile e meteorismo potrebbe andare incontro a gonfiore addominale e flatulenza. Chi presenta problemi di ipertiroidismo non trattato oppure patologie a carico del fegato potrebbe notare un ingiallimento dei palmi di mani e piedi a causa dell'accumulo dei carotenoidi che l'organismo non riesce ad utilizzare adeguatamente. Si tratta di problemi che si verificano solo in caso di consumo eccessivo. Trattandosi di una dieta è sempre bene comunque farci guidare dalla figura di un esperto.