Benessere Mandorle

Dieta, il segreto per non ingrassare è nella frutta secca

Le mandorle hanno proprietà antinfiammatorie e antiossidanti

La frutta secca generalmente viene sconsigliata nel caso in cui si stia seguendo una dieta dimagrante perché risulta piuttosto calorica. In realtà stando a uno studio pubblicato su BMJ Nutrition, Prevention & Health, sarebbero sufficienti appena 14 grammi di frutta secca al giorno al fine di prevenire l'aumento di peso.
Lo studio ha preso in esame un campione di tre gruppi di individui: nello specifico 51.529 uomini di età compresa tra i 40 e i 75 anni, 121.700 donne di 35-55 anni e 116.686 donne di 24-44 anni. Tutte le persone che vi hanno partecipato sono state seguite per 20 anni. A cadenza di ogni 4 anni sono state sottoposte ad esami per verificarne lo stato di salute, il peso e le abitudini alimentari. Dai dati è emerso che tutti quelli che consumano almeno 14 grammi di frutta secca al giorno hanno un rischio minore di aumentare di 2 o più chili nei 4 anni successivi. Ciò si verifica soprattutto se la frutta secca va a sostituire meno salutari spuntini a base ad esempio di alimenti fritti o dolci. In realtà le mandorle da tempo sono assurte all'attenzione dei ricercatori.

Mandorle: un toccasana per la salute
Uno studio condotto dalla Purdue University di West Lafayette, Indiana (Usa) ha messo in evidenza l'utilità di questo frutto che aiuterebbe a diminuire il grasso totale e viscerale. La ricerca ha preso in esame 86 adulti sovrappeso o obesi che hanno seguito due diete ipocaloriche. L'apporto energetico era lo stesso per entrambi i gruppi, ma in uno di questi i volontari hanno mangiato anche le mandorle, circa 38 grammi al giorno corrispondenti al 15% delle calorie totali. Al termine di tre mesi in entrambi i gruppi la perdita di peso è stata simile, tuttavia la riduzione del grasso totale è risultata maggiore in chi prevedeva anche le mandorle nella dieta. Sempre questo gruppo ha mostrato una maggiore diminuzione di grasso viscerale, che risulta il più pericoloso in quanto aumenta il rischio delle patologie a carico del cuore. Secondo i ricercatori questi risultati potrebbero spiegarsi tenendo conto che i grassi insaturi contenuti nelle mandorle aumenterebbero l'ossidazione dei grassi, in particolare di quello viscerale. Secondo questo studio sarebbe sufficiente mangiare poco più di 20 mandorle al giorno per diminuire il senso di fame. La ricerca è stata pubblicata su The Journal of Nutrition. Ma cosa contengono le mandorle?

Mandorle: proprietà nutrizionali
La coltivazione è diffusa in tutto il Mediterraneo. Riguardo ai valori nutrizionali, le mandorle presentano una buona quantità di grassi monoinsaturi (13 grammi per 28 grammi di mandorle), proteine nobili (6 grammi per 28 grammi di mandorle) e fibre (nell’ordine di 4 grammi per 28 di mandorle).
Le mandorle hanno proprietà antinfiammatorie e antiossidanti che si devono alla vitamina E e agli acidi grassi essenziali omega-3 che ci proteggono dallo stress ossidativo causa dell'invecchiamento e prevengono le patologie cardiovascolari. Sempre rimanendo in tema di salute del cuore, le mandorle tengono bassi i trigliceridi. Sono utili anche per il sistema nervoso in quanto contengono magnesio che aiuta in caso di stanchezza e stress.