Benessere Dieta monoalimento

La dieta della patata per un dimagrimento lampo

Dieta ipocalorica e povera di sale

Si tratta di una dieta che permette di dimagrire velocemente, pertanto è indicata soprattutto prima o dopo le feste. Permette di perdere fino a 5 chili in tre giorni. Ovviamente a scanso di equivoci dobbiamo precisare che le patate non possono essere consumate fritte! La dieta è ipocalorica e povera di sale. Va seguita solo per qualche giorno perché rientra nelle diete monoalimento e quindi essendo fortemente sbilanciata potrebbe portare a qualche squilibrio nutrizionale. La patata è un alimento che per lungo tempo è stato screditato nell'ambito dei regimi dietetici a causa del suo contenuto di carboidrati. In realtà ha un basso contenuto calorico, basti pensare che un 100 grammi di patate possiedono solo 80 calorie, per cui risultano sazianti. Sono composte da molta acqua per cui hanno anche un effetto diuretico. Inoltre le patate contengono vitamine, sali minerali e fibre che favoriscono la digestione.

Dieta della patata: caratteristiche
Nel corso di questi tre giorni non va utilizzato nè olio nè sale, piuttosto per condire i cibi si possono utilizzare spezie aromatiche, cipolla agli e peperoncini. E' fondamentale poi bere almeno due litri di acqua al giorno.

Dieta della patata: menù dei tre giorni
Primo giorno
Colazione: uno yogurt mago
Pranzo: due patate bollite rigorosamente senza sale e un vasetto di yogurt magro,
Cena: una patata bollita sempre senza sale accompagnata da 200 grammi di yogurt magro.
Secondo giorno
Colazione: una patata bollita senza condimento e uno yogurt magro.
Pranzo: due patate cucinate arrosto senza sale e 100 grammi di yogurt magro.
Cena: un purè di patate e uno yogurt magro.
Terzo giorno
Colazione: una patata bollita
Pranzo: due patate bollite senza condimento e un vasetto di yogurt magro.
Cena: 300 grammi di yogurt magro.
Alle patate si accompagna lo yogurt per aggiungere una quota proteica ai carboidrati dati dalle patate.
La perdita dei chili che si ottiene con questa dieta è dovuta soprattutto alla netta riduzione dei carboidrati. Diete ipocaloriche di questo tipo vengono sconsigliate dagli esperti perchè si rischia di perdere anche la massa magra e il metabolismo tende a "impigrirsi", per cui successivamente si riprende facilmente il peso perduto che si accumula sotto forma di grasso corporeo. Pertanto non è adatta a chi deve perdere molto peso ma solo a chi magari ha esagerato un po' nel finesettimana. Prima di intraprenderla bisogna chiedere consiglio al proprio medico oppure ad un esperto quale un nutrizionista o un dietologo. In ogni caso, anche se il medico ha espresso parere favorevole, sospendetela se avvertite giramenti di testa o degli sbalzi di pressione.