Benessere Fisico scolpito

La dieta di Roberto Bolle

Dieta detox

Roberto Bolle, 44 anni, Étoile della Scala di Milano, Principal Dancer dell’ABT di Ny, Cavaliere della Repubblica Italiana, è di recente tornato in TV con il programma televisivo, “Danza con me” ed ha incantato ancora una volta il pubblico. Roberto Bolle non solo è un ballerino dal talento straordinario e ma ha un fisico che rasenta la perfezione.

Quali sono i segreti per avere un fisico perfetto?

Il segreto di avere 44 anni e sembrare un ragazzino in un fisico che sembra modellato dalle mani uno scultore? Roberto Bolle confessa i suoi segreti per avere un fisico perfetto e di seguire una rigida dieta e di praticare un duro allenamento.

Qual è la dieta di Roberto Bolle?

Per riuscire a mantenere la sua forma fisica, Bolle ha confessato di seguire una dieta molto rigida e di allenarsi molto duramente. Nella sua dieta quotidiana evita il più possibile di mangiare la carne, predilige il pesce, mangia tanta verdura e tanta frutta, anche quella secca. Preferisce alla pasta il riso, e si idrata molto durante la giornata, bevendo moltissima acqua. Il corpo è il suo strumento di lavoro e per questo va tenuto sempre in perfetta forma. Il ballerino, inoltre ha confessato di allenarsi circa 7/8 ore al giorno.

Un ballerino è un atleta, a tutti gli effetti. La preparazione, la disciplina, le ore di allenamento quotidiano: sono tutti elementi imprescindibili. E più sale il livello, più è necessario il rigore. Ascoltare il corpo fa parte della nostra vita.

Un’alimentazione corretta è fondamentale. Ma per Roberto Bolle, non è stato sempre così, solo di recente ha iniziato a seguire una dieta ferrea.

Cosa mangiava Roberto Bolle prima di seguire la dieta?

Eppure c’è stato un tempo in cui anche il noto ballerino, come i ‘comuni mortali’ cedeva alla tentazione dello sconsigliatissimo cibo spazzatura. Accadeva all'inizio della sua carriera, quando era ancora giovanissimo: “Brioche e piatti precotti sono stati per anni la mia cena” senza seguire una dieta specifica.

Roberto Bolle consumava snack davanti al televisore. "Fino a 11 anni c’erano i piatti genuini di mia mamma, cucinati con le verdure dell’orto di casa. E tutto era perfetto. Poi ho lasciato la mia casa in Piemonte per entrare nella Scuola di ballo del Teatro alla Scala".

Allenandosi tutto il giorno, la sera era troppo stanco per dedicarsi alla cucina e prepararsi qualcosa di genuino adatto ad una sana alimentazione.

Alla Scala i ballerini, infatti non sono seguiti da un nutrizionista. Nei teatri italiani non è prevista la consulenza di un nutrizionista per le compagnie di balletto. Non è come per i calciatori: tutte le società mettono a loro disposizione cuochi e dietologi per controllarne con costanza la dieta e renderla adatta allo sforzo fisico cui si sottopongono.

Tutti i segreti della dieta di Roberto Bolle

Ad un certo punto, della sua carriera, Roberto Bolle ha capito che il suo fisico chiedeva aiuto per mantenere la forma fisica acquisita, per superarla, per stare bene. Non era una questione di linea, per quella bastava l’allenamento, ma proprio di salute, di benessere. E allora ha detto basta al junk food, rifugio effimero allo stress e alla fretta quotidiana. Il cibo spazzatura lo stava ritorcendo contro come un boomerang.

Così ha iniziato a disintossicare il suo corpo, iniziando con una dieta detox, e si è dedicato a tre giorni di depurazione a base di frutta, verdura e acqua a volontà.

In cosa consiste ora la dieta di Roberto Bolle?

Roberto Bolle, di recente ha cambiato il suo modo di alimentarsi e di seguire una dieta sana ed equilibrata. Alimentarsi bene, non è difficile: niente schifezze, tanto per cominciare, via libera a yogurt e ricotta, riso integrale e farro, carne e pesce, verdure cotte e crude, frutta a volontà, tutto distribuito in maniera equilibrata durante la giornata e condito da tanta, tanta acqua. Beve dai quattro ai cinque litri di acqua ogni giorno.

Ma anche lui, ogni tanto, si concede qualche strappo alla regola alla sua dieta. “Quando ho delle voglie particolari le assecondo: un bel piatto di pasta, il cioccolato, un bicchiere di buon vino”, ha di recente dichiarato durante un'intervista.