Benessere Detox

Vuoi tornare in forma dopo le feste? Prova la dieta zen

La dieta si basa su ricette orientali che prevedono largo impiego di vegetali per depurare l'organismo

Rimettersi in forma dopo le festività rientra tra i propositi più frequenti di inizio anno. Ma per perdere i chili presi durante le festività non esistono scorciatoie di sorta né bacchette magiche. In particolare per riacquistare la forma perduta in maniera salutare può venirci in aiuto la dieta zen che ci permette di disintossicare l'organismo, andando a ricreare l'equilibrio tra mente e corpo. In particolare questo regime dietetico prevede un menù giornaliero da circa 1200 kcal e permette di perdere circa 2 chili in una settimana. Questa dieta si basa soprattutto su ricette orientali che prevedono largo impiego di vegetali per depurare l'organismo. In particolare il taoismo può applicarsi anche a tavola per armonizzare i principi fondamentali yin e yang, che secondo l’antica filosofia cinese presiedono all'ordine dell'universo. In questo senso anche l'alimentazione svolge un ruolo molto importante per la salute dell'individuo. Quella taoista in effetti più che una vera e propria dieta può definirsi come uno stile di vita che ci aiuta a rimanere in salute. Sicuramente queste indicazioni possono aiutarci nel breve periodo a raggiungere l'obiettivo che ci siamo prefissati, ovvero perdere i chili accumulati durante la festività, anche se bisogna riconoscere che i chili di troppo sono più l'effetto di una dieta poco salutare che seguiamo da gennaio a dicembre che non degli eccessi alimentari durante le festività.

Dieta taoista per dimagrire dopo le festività
1) Mangiare poco, ma senza privarsi di nulla. Questo è importante perché in tal modo non si appesantisce lo stomaco. Per schematizzare dovremmo mangiare soprattutto alimenti solidi accompagnati da liquidi, ma senza esagerare.
2) Privilegiate le verdure. Secondo la dottrina taoista sono fondamentali in quanto trasmettono l'energia della natura. In questo senso sono da privilegiare i cereali quali riso, orzo, miglio, grano saraceno e quinoa, e le leguminose. Vanno abbinate con contorni quali tofu, alghe, pesce o carne. La soluzione ideale sarebbe scegliere le verdure del proprio orto o se si abita in città acquistare le verdure bio per evitare le tossine.
3) Evitare gli spuntini per placare gli attacchi di fame. Se si mangia di continuo lo stomaco non ha mai modo di riposarsi. Fra un pasto e l'altro invece occorrerebbe far passare dalle 5 alle 6 ore. Se avete attacchi di fame passare da uno spuntino all'altro non è una buona idea, piuttosto potete prepararvi una tisana a base di thè verde. Ne potete bere dalle 3 alle 4 tazze al giorno.
4) Sostituite la carne con il pesce. La carne preferibilmente bianca, quindi pollo e tacchino, andrebbe consumata non più di 2 volte a settimana. Come pesce in sostituzione della carne va privilegiato soprattuto salmone, sgombro e tonno.
5) Cuocere bene i cibi. A differenza di quella giapponese, in quella cinese il consumo di alimenti crudi è fatto davvero raro. Le verdure ad esempio si preferisce saltarle a fuoco vivo e condirle con un po' di olio di oliva. In questo modo si ottengono due risultati importanti: l'alimento risulta più digeribile e non si depotenzia il suo apporto vitaminico. Anche la cottura a vapore rappresenta una opzione valida.
6) Nei condimenti sostituire il sale con l'olio extravergine di oliva, erbe aromatiche e spezie.
7) Alzatevi da tavola sempre con un pizzico di appetito, se non riuscite non mangiate mai oltre la sazietà.
8) Rinunciare al junk food, in particolare ai cibi che aumentano il rischio di picchi glicemici, quali dolci lievitati, dolci industriali, pane bianco, biscotti, gelati, creme da spalmare.
9) Bere ma senza esagerare. Il corpo umano è costituito in prevalenza di acqua, pertanto è fondamentale bere a sufficienza per mantenere l'organismo idratato. In particolare non bisognerebbe superare i due litri di acqua al giorno. Oltre l'acqua naturale, le bevande migliori sono le tisane e il thè verde. Va da sè quindi che bisogna eliminare alcol, bevande gassate, succhi di frutta industriali.
10) Scegliete alimenti biologici a basso contenuto calorico, in quanto ci forniscono un ottimo apporto di vitamine, sali minerali e fibra.
11) Accompagnate la dieta con mezz'ora di attività fisica al giorno perchè l'esercizio fisico aiuta a dimagrire e una volta persi i chili di troppo, a mantenerci in forma. In particolare suggeriamo di accompagnare l'attività fisica agli esercizi yoga che rilassano mente e corpo.
12) Masticare bene gli alimenti. Si tratta di un consiglio sempre valido. E' risaputo infatti che la digestione comincia in bocca. Ogni boccone va masticato da quindici a venti volte: pensate che basta questo semplice accorgimento per far perdere qualche chilo a chi ha l'abitudine di mangiare troppo in fretta.

Menù dieta zen: esempio di una giornata tipo
Colazione: due gallette di riso con marmellata senza zuccheri aggiunti accompagnate da una tazza di thè verde.
Come spuntino per la mattina un frutto fresco ad esempio ananas, mirtilli, kiwi, fragole, mango, more con una una tazza di tè verde.
Per lo spuntino del pomeriggio potete optare per della frutta secca, ad esempio pinoli, mandorle, pistacchio, prugna con una tazza di thè verde.
Pranzo: 50 grammi di spaghetti di soia con funghi e asparagi stufati oppure 50 grammi di riso in padella con legumi e verdure insaporito con le spezie. In alternativa barbabietole e funghi all'insalata.
Cena: una vellutata di spinaci e porri, oppure una zuppa di legumi o una tagliata di tonno.


© Riproduzione riservata