Benessere La dieta della ciotola

Healthy bowl: la moda del piatto unico

Un'unica portata

Anche in ambito alimentare non è infrequente imbattersi in quelle che possiamo definire mode o tendenze. In particolare una delle ultime tendenze in fatto di diete è la Healthy bowl, ovvero un piatto unico gustoso e nutriente che si serve nella ciotola. Si tratta quindi di un'unica portata che prevede l'impiego di alimenti nutrienti, meglio ancora se biologici, senza nulla togliere al gusto.
Le bowls non sono altro che delle ciotole all'interno delle quali si serve il cibo. In particolare l'origine si fa risalire al buddismo: pare che i monaci andassero a bussare alle case dei fedeli recando in mano una ciotola vuota per ricevere offerte di cibo, ma anche fiori o incenso. In effetti la forma di questi piatti ricorda la pancia del Buddha. Si tratta di una vera e propria moda, basti pensare che nelle grandi città vi sono locali che servono gli alimenti in questa maniera.

Healthy bowl: gli alimenti che lo compongono
Per quanto riguarda la composizione di questi piatti è opportuno rispettare una certa percentuale riguardo alla presenza di grassi, proteine e carboidrati. I primi devono essere di origine vegetale. E' possibile utilizzare non solo l'olio di oliva che rimane il più indicato, ma anche avocado, semi di zucca, di girasole, frutta secca. Spesso questi oli si possono utilizzare insieme alle verdure dai colori vivaci, ad esempio melanzane e carote, per ricavarne delle salse gustose. E' fondamentale poi curare a puntino la freschezza e la qualità degli ingredienti utilizzati. In questo senso vi suggeriamo di comprare alimenti biologici o comunque a chilometro zero. In particolare sempre tenendo conto della composizione degli alimenti, la base vegetale è la componente preponderante che deve rappresentare circa il 50% del piatto e un misto di carboidrati proteine e grassi.
I carboidrati devono rappresentare circa un quarto del volume complessivo. Via libera al riso basmati e a quelli selvatici. Tra i cereali sono da prediligere il farro e l'orzo, sì anche ai pseudocereali quali l'amaranto e la quinoa. Anche le proteine devono rappresentare circa un quarto del volume complessivo. Possono essere di origine animale ad esempio carni bianche quali tacchino, coniglio, pollo. Via libera anche a uova, vegetali, tofu, semi e germogli. Nelle Pokè bowls invece si utilizza il pesce crudo fatto a cubetti e accompagnato da alghe, riso e avocado o da altri ingredienti che vi suggerisce la fantasia. In tal modo è quindi possibile assicurare all'organismo il giusto mix di proteine nobili, fibre, grassi buoni e carboidrati.
Le healthy bowls possono utilizzarsi anche per preparare una colazione speciale energica e nutriente a base di frutta secca e fresca, bacche, yogurt, avena e semi. Anche l'estetica ha la sua valenza in questo piatto unico. In questo senso proprio per far sì che i colori dei cibi siano in evidenza non vanno mischiati tra loro all'interno del piatto, bensì semplicemente accostati di modo che ogni alimento evidenzi il suo colore. Nel piatto unico quindi conta anche l'impatto visivo che possono darci gli alimenti.

Healthy bowl: esempi di piatto unico
Ve ne suggeriamo qualcuno: potete ad esempio preparare un Healthy Bowl con del tonno in crosta ai semi di papaveri, couscous, radicchio e dei pomodorini oppure ancora del pollo alle erbe accompagnato da insalata verde, uva passa, mandorle e pomodorini. Insomma queste ciotole di cibo colorato che mettono allegria sono indicate per chi vuole dimagrire e mangiare sano.


© Riproduzione riservata