Benessere L’onicocriptosi

I rimedi naturali per curare l’unghia incarnita

Dall'infiammazione all'infezione

Quando un’unghia cresce all'interno della pelle causa una dolorosa infiammazione, che può portare anche all'infezione: ecco come risolvere questo disturbo con dei rimedi naturali. Ora che la bella stagione ci vuole più scoperti e con i sandali o gli infradito, ci teniamo che i nostri piedi vengano mostrati, nel loro aspetto migliore e nel caso delle donne anche smaltati con i colori dettati dall'ultima moda. Può capitare, però a causa di cattive abitudini o di processi infettivi, che un’unghia si incarnisca, ovvero che esca dal bordo ungueale e inizi a crescere sotto la pelle che la circonda. Si tratta di un problema alquanto fastidioso che colpisce prevalentemente le dita dei piedi – soprattutto il dito alluce, dove l’unghia è più grande. Se questo problema viene sottovalutato, il disturbo può provocare grande dolore ed arrivare addirittura a dare vita ad un’infezione. Ecco come potete sbarazzarvene con qualche rimedio naturale, non sottovalutando gli antichi rimedi delle nostre nonne.

Cause dell’unghia incarnita: L’onicocriptosi (questo il nome medico dell’unghia incarnita) può essere provocata da problemi ai piedi quali alluce valgo, lesione dell’unghia o un infezione fungina. Ma spesso il problema è causato da alcune cattive abitudini: l’utilizzo delle scarpe troppo strette o dal tacco alto, nel caso delle donne o subire microtraumi in attività come il calcio. Nella maggior parte dei casi vi è una certa trascuratezza nella gestione delle proprie unghie, ad esempio lasciare che crescano troppo prima di tagliarle oppure tagliarle velocemente facendo scarsa attenzione ad eventuali punti che raschiano e quindi possono ferire la pelle (meglio sempre alla fine della manicure o pedicure utilizzare una limetta). Per avere maggiori possibilità di evitare il problema sarebbe buona abitudine tagliare le unghie non in maniera arrotondata ma piuttosto squadrata. Arrotondare troppo le unghie consente infatti a quest’ultime una penetrazione più facile nella pelle. Un consiglio da seguire è anche quello di evitare di tagliare le unghie troppo corte. Altre cause che possono portare ad una situazione di onicocriptosi sono una scarsa igiene, una forte sudorazione dei nostri piedi, l’utilizzo di scarpe molto strette che fanno pressione sulle dita dei piedi o ancora alcuni tipi di problemi dermatologici e familiarità.

Come si riconosce un’unghia incarnita? Quando l’unghia si incarnisce, la pelle circostante diventa rossa e infiammata. Il dolore diventa sempre più insistente con il crescere dell’unghia e si possono verificare delle piccole lesioni che danno origine ad una vera e propria infezione. Spesso, l’unghia incarnita forma un po’ di pus nella zona che la circonda, soprattutto nei casi più severi. Se il dolore è troppo forte o in caso di infezione è importante farsi visitare dal proprio medico. Il problema è anche a rischio di cronicizzazione, quindi va risolto alla radice. Nei casi meno gravi, si può provare ad alleviare il fastidio con qualche rimedio naturale, scopriamoli insieme.

Unghia incarnita e i rimedi naturali. Esistono dei rimedi naturali efficaci contro le unghie incarnite da utilizzare al bisogno fin dai primi sintomi del problema (prima si agisce e meglio è). Ecco quelli che vi consigliamo dai più semplici a quelli che ci sembrano scontati ma che ci possono essere di grande aiuto, nei casi iniziali. Uno dei rimedi della nonna per alleviare il dolore causato da un’unghia incarnita è il pediluvio in acqua calda, da effettuare almeno due volte al giorno per 15 minuti, non sottovalutatelo. Dei semplici pediluvi con acqua e sale possono risolvere velocemente il problema delle unghie incarnite. Si tratta infatti di una soluzione dal potere disinfettante che va applicata con una certa costanza per 2/3 volte al giorno immergendo i piedi in acqua per circa 15-20 minuti. Ottimi anche i pediluvi a base di sali di Epsom. Per un effetto più potente, aggiungete all'acqua un infuso di timo, fatto bollire per circa 5 minuti o del tea tree oil dall’azione disinfettante.

Il limone per combattere l’unghia incarnita in modo naturale. L’ingrediente cardine per combattere l’infiammazione è il limone. Tagliatene uno a metà e fateci un buco al centro, cospargendolo di sale. Infilate il dito nel limone e lasciatelo per 20 minuti. Il potere disinfettante di sale e limone aiuta a guarire l’unghia incarnita. Anche la cipolla ha poteri antinfiammatori: fatene cuocere una e poi schiacciatela. Il composto ottenuto va chiuso all'interno di una garza sterile, da poggiare sull'unghia interessata. Lasciate agire almeno un paio d’ore, coprendo il piede con un calzino.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1599660011-3-crai.gif

Infuso di Malva: La malva è una pianta che ha un grande potere lenitivo, utile anche in caso di unghie incarnite. Dopo aver preparato un infuso di malva versatene un po’ su un batuffolo di cotone e tamponate più volte al giorno la zona del piede o della mano colpita dal problema.

Consigli alla comparsa dell'unghia incarnita: Utilizzate scarpe comode e state più che potete a piedi nudi. E’ fondamentale una volta comparsa un’unghia incarnita lasciare il più possibile respirare il piede. Dunque, almeno in casa, evitare di indossare calzini o ciabatte chiuse, mentre quando uscite scegliete esclusivamente scarpe comode o, se si è in estate, i sandali. Nel caso dopo pochi giorni la situazione dell’unghia non sia visibilmente migliorata, rivolgetevi al vostro medico per evitare che il problema si aggravi e si estenda anche ad altre dita dei piedi o delle mani.


© Riproduzione riservata