Giudiziaria Modica

Il carabiniere tradito dalle analisi nell'armadietto di Peppe in ospedale

L'omicida ha usato solo la mano destra

  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-06-2020/1592338308-il-carabiniere-tradito-dalle-analisi-nell-armadietto-di-peppe-in-ospedale-1-500.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-06-2020/1592338345-il-carabiniere-tradito-dalle-analisi-nell-armadietto-di-peppe-in-ospedale-1-500.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-06-2020/1592338409-il-carabiniere-tradito-dalle-analisi-nell-armadietto-di-peppe-in-ospedale-1-500.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-06-2020/1592338450-il-carabiniere-tradito-dalle-analisi-nell-armadietto-di-peppe-in-ospedale-1-500.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-06-2020/il-carabiniere-tradito-dalle-analisi-nell-armadietto-di-peppe-in-ospedale-100.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-06-2020/1592338308-il-carabiniere-tradito-dalle-analisi-nell-armadietto-di-peppe-in-ospedale-1-240.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-06-2020/1592338345-il-carabiniere-tradito-dalle-analisi-nell-armadietto-di-peppe-in-ospedale-1-240.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-06-2020/1592338409-il-carabiniere-tradito-dalle-analisi-nell-armadietto-di-peppe-in-ospedale-1-240.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/16-06-2020/1592338450-il-carabiniere-tradito-dalle-analisi-nell-armadietto-di-peppe-in-ospedale-1-240.jpg

Modica - Le analisi fatte in ospedale custodite nell'armadietto di Peppe, al Maggiore. Il cuoco le conservava come un documento prezioso, dove c'era il suo cambio abiti. I sospetti su Davide Corallo, carabiniere 39enne originario di Modica, in servizio a Buccheri, nel siracusano, si sono concretizzati subito. Quando i colleghi carabinieri, forzando l'armadietto degli abiti da lavoro del cuoco 57enne Peppe Lucifora, all'ospedale di Modica, dove era assunto come addetto alla cucina, hanno trovato quel documento così intimo. 

Perchè il cuoco custodiva le analisi cliniche del carabiniere? Davide aveva lasciato la fidanzata mesi prima, e fra i due era nato un rapporto gay tenuto sotto traccia. Peppe 57 anni, Davide 39, da 17 anni militare dell'Arma. Uscivano insieme, ma senza dare nell'occhio, come lo fanno due amici. Ma Peppe era gay dichiarato, Davide ufficialmente etero. Muscolosissimo, alto un metro e 85 centimetri, palestrato da far paura. 

Paura. E' l'unica parola che viene in mente pensando che l'omicida ha strangolato il cuoco dell'ospedale di Modica, l'ex commesso del negozio di abbigliamento della borghesia modicana, il cultore delle tradizioni popolari, il religiosissimo Peppe, usando solo la mano destra. Solo una mano gli è bastata per soffocarlo. E' stato Overkilling? Un delitto d'impeto in cui l'omicida ha paura di uno scenario inatteso? Forse. Peppe ha minacciato di rivelare la loro relazione? Forse a causa di un litigio, il cuoco ha prefigurato al carabiniere l'ipotesi che potesse svelare la loro unione sentimentale? Una prospettiva insopportabile deve aver indotto l'omicida ad agire. 

Il test del Dna, usato per individuare l'Ignoto 1 che uccise Chiara Gambirasio, ha dato il riscontro ai sospetti. Peppe amava Davide, aveva il referto delle sue visite mediche, lo proteggeva e lo custodiva nel cuore. Ma la sera del 10 novembre uno scenario inaccettabile ha forse indotto il carabiniere a eliminare il partner. E la paura che questi potesse raccontare la loro storia d'amore.  


© Riproduzione riservata