Attualità Roma

Bonus edilizia 110%, le risposte ai vostri dubbi

Alcune domande ricorrenti

Roma - L'Ecobonus edilizia 110% ha ingenerato molti dubbi e perplessità in chi vuole ristrutturare casa approfittando di questo storico beneficio voluto dal Governo Conte col Decreto Rilancio. Molti i quesiti. Vediamo di dissipare alcuni dubbi. 

Molti non comprendono se il limite di spesa è sul totale delle agevolazioni al 110% oppure rimangono i limiti delle altre voci che al posto del 65% passerebbero al 110%. Bene, tutti gli interventi già previsti con l’ecobonus ex articolo 14 del decreto legge 63/2013, con detrazione al 65%, passano ora al 110% se si realizzano insieme ad almeno uno degli interventi TRAINANTI (cappotto termico e caldaie). Il limite di spesa agevolata resta invece quello già fissato in passato per ogni intervento previsto dall’articolo 14. Oltre ai vecchi interventi ecobonus si possono agganciare alle stesse condizioni pannelli solari e loro accumulatori, colonnine per ricarica batterie delle auto elettriche. 

Circa le ristrutturazioni "normali" che ad oggi godono della detrazione al 50% in 10 anni, va chiarito che il meccanismo dello sconto in fattura/cessione del credito d'imposta è esteso anche a questo tipo di lavori. 
L'orizzonte temporale delle detrazioni, nel caso in cui si decidesse di non cedere il credito d'imposta, rimane di 10 anni. 

Il superbonus non può valere anche per l'efficientamento energetico della sede di un'azienda perchè è rivolto solo sugli interventi che sono effettuati dai «condomìni», «dalle persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni, su unità immobiliari», salvo quanto previsto al comma 11» dell’articolo 122 del decreto Rilancio, dagli Iacp (Istituti autonomi case popolari), dagli enti con le stesse finalità sociali degli Iacp e dalle cooperative di abitazione a proprietà indivisa. 

Si può accedere al bonus 110% in una casa attualmente senza riscaldamento?
Il decreto Rilancio non è ancora stato pubblicato in Gazzetta ufficiale, ma dal testo in nostro possesso questa condizione non appare. Però, considerando che i 3 nuovi interventi «trainanti» sono compresi tra quelli sull’ecobonus, per poter beneficiare del super bonus del 110% su tutti questi lavori, si ritiene che debbano essere rispettati anche tutti i requisiti previsti per l’ecobonus, come l’esistenza di impianto di riscaldamento (tranne per i pannelli solari termici).