Attualità Cosenza

I funerali di Jole Santelli, una donna che ha amato la Calabria

Jole Santelli, funerali in forma privata a Cosenza. Lutto cittadino a Catanzaro

L'omelia: "Jole Santelli, intelligente, preparata, concreta"

Cosenza - I funerali di Jole Santelli, presidente della Regione Calabria, scomparsa a 51 anni, sono stati celebrati nella chiesa di San Nicola a Cosenza tra gli applausi della gente che si è riunita spontaneamente nella piazza antistante. 
Presenti, oltre ai familiari del presidente Santelli, tutta la Giunta regionale al completo. Alle 16.30 i funerali celebrati dall'arcivescovo di Cosenza-Bisignano, monsignor Francesco Nolè. Presenti, oltre ai familiari anche il presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, Elisabetta Casellati, presidente del Senato. 

L'omelia: "Jole Santelli, una donna intelligente, preparata, concreta"
"Ci lascia una donna intelligente, preparata e determinata, che ha amato la propria comunità e la sua terra, la Calabria", ha detto monsignor Francesco Nolè, nell'omelia. "Jole - ha aggiunto l'arcivescovo - ci lascia anche tanta dignità, delicatezza, riservatezza, qualità necessarie nell'epoca dominata dai social. Testimone del dialogo e della pace, ha abbracciato e sostenuto sempre le persone in difficoltà. Ci rimane anche la sua grande voglia di lottare, come ha dimostrato negli anni in cui ha tenuto testa alla malattia".

"E' stata una donna 'concreta' come lei stessa ha affermato parlando del 'genio femminile'; così è concreto oggi anche il nostro dolore e la nostra tristezza per la sua incolmabile perdita. Con la sua elezione si era accesa una fiammella di speranza, tinta di 'rosa', nel cielo nuvoloso della nostra Calabria; una luce che fin da subito ha voluto colmare le attese di un popolo in cerca di verità, bisognoso di giustizia e desideroso di esprimere in pienezza le sue capacità civili, culturali e morali". Ha concluso: "Jole era certamente una di noi, con i difetti e le debolezze che ognuno porta con sé. Lei infatti ripeteva spesso: 'Non siamo immuni da errori, ma è importante che qualsiasi scelta sia fatta in buona fede e pensando sempre di fare del bene alla Calabria e ai calabresi'. Ma era anche una tenace credente, pellegrina della verità e della giustizia sociale, testimone della dignità della persona, promotrice della pacifica e fraterna convivenza civile".

Il corpo sarà cremato
La salma sarà traslata nel cimitero di Malito, piccolo comune del Cosentino, paese di origine della famiglia, dove sono sepolti i genitori. "Il suo corpo sarà cremato, era la sua volontà", ha detto la sorella di Jole Santelli, Paola. Su Facebook ha pubblicato una foto che la ritrae con Jole e la terza sorella: "Il nostro patto - scrive - è quello di supportarci a vicenda, di coccolarci e di amarci immensamente. Joletta, noi ti amiamo alla follia e siamo tanto grate di averti come sorella. Certo mi hai fatto questo brutto scherzo di non aspettarmi, ma ci sarà una ragione valida, perché ogni tua azione verso di noi era frutto di amore e protezione! Joletta nostra, tu sei e sarai sempre la regina dei nostri cuori".

Il cordoglio di Mattarella
"Jole Santelli - ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella - prima donna a ricoprire il ruolo di Presidente della Regione Calabria, si è distinta per la tenacia del suo temperamento e per la combattività che sapeva esprimere nell'azione politica e di governo. Ha affrontato con coraggio la malattia, con la quale era costretta a convivere. Non si è arresa, ha voluto fortemente portare il proprio contributo alla vita sociale e anche per questo ha meritato stima e apprezzamento". Il premier Giuseppe Conte ha parlato di "una perdita dolorosa", una ferita profonda per la Calabria e per le Istituzioni tutte".

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1602519114-3-triumph.gif

Il pianto di Berlusconi
Commosso il ricordo di Silvio Berlusconi, legato da una profonda amicizia alla Santelli: "Jole lascia davvero un vuoto incolmabile nelle nostre anime".


© Riproduzione riservata