Benessere Perdere peso

Dieta del minestrone: quanti chili si perdono?

La dieta del minestrone è una dieta ipoproteica che si consiglia alle persone obese o che abbiano da smaltire 5 o 6 chili

Dieta del minestrone: quanti chili si perdono?

La dieta del minestrone promette di far perdere 5 chili in 7 giorni. Si tratta di una dieta ipoproteica che gode di una discreta popolarità. E' molto probabile che quando abbiamo deciso di dimagrire di certo la dieta del minestrone sia risultata tra quelle maggiormente opzionabili. In questo articolo in particolare ci soffermiamo sulla sua efficacia. E un regime dietetico che in effetti si consiglia alle persone obese o che comunque abbiano da smaltire 5 o 6 chili rispetto al proprio peso forma.
Come si può intuire dal nome di questa dieta il minestrone costituisce il piatto forte del nostro menù dietetico in quanto va mangiato tutti i giorni, e comunque non meno di una volta al giorno. E' preferibile preparare il minestrone con verdure fresche di stagione piuttosto che comprarlo surgelato. Va sottolineato che si tratta di una dieta davvero povera di proteine che ci apporta circa 800 calorie al giorno.

Minestrone: menu
Nei primi 3 giorni si prevede oltre al minestrone il consumo di frutta e verdura, ma vanno evitate le banane. A partire dal quarto giorno possiamo inserire questo frutto nel menù dietetico e anche bere del latte purché sia parzialmente scremato. Il quinto e il sesto giorno si prevede soprattutto il consumo di alimenti che contengono proteine, al settimo giorno possiamo consumare il riso integrale che ci fornisce i carboidrati. Come in altri regimi dietetici durante il periodo della dieta bisogna astenersi dal consumo di bevande gassate e zuccherate, alcolici, e sono vietati anche pasta, pane legumi. Come bevande sono ammesse caffè e tè purché consumati senza aggiunta di zuccheri. Il settimo giorno sono ammessi succhi di frutta sempre non zuccherati.

Dieta del minestrone: schema settimanale
Lo spuntino mattutino in questi sette giorni potete fare con un tè non zuccherato e nel pomeriggio con una tisana. Per quanto riguarda la colazione, nei primi 3 giorni un caffè senza zucchero e un frutto a scelta, sempre da evitare le banane per il loro contenuto di zucchero. Dal quarto giorno invece si può fare colazione con latte scremato e banane oppure con un cappuccino e un frutto.
Primo giorno
Colazione con del caffè amaro più un frutto scelta tranne la banana. A pranzo e a cena minestrone frutta. In buona sostanza zuppa o brodo di verdura e frutta rappresentano il pasto principale.
Secondo giorno
A pranzo minestrone accompagnato da verdura a scelta ad esempio radicchio e lattuga. L'importante è che sia fresca e se volete potete consumare anche cruda. Anche a cena un minestrone o brodo di verdure, e un frutto.
Terzo Giorno
A pranzo minestrone accompagnato da verdura ortaggi a scelta ad esempio melanzane fatte alla griglia A cena minestrone accompagnato da un frutto scelta ad esempio mele pere.
Quarto Giorno
Novità per la colazione, possiamo gustarci latte scremato con banane. Anche a pranzo minestrone e come frutta la banana. A cena minestrone e uno yogurt
Quinto Giorno
A colazione un cappuccino e un frutto a scelta. A pranzo, al posto del solito minestrone, possiamo mangiare della carne con pomodori freschi oppure dell'arrosto di manzo con verdure grigliate. A cena minestrone con un contorno di pesce scelta.
Sesto Giorno
Colazione con latte scremato con un frutto. A pranzo minestrone e del tonno al naturale. A cena arrosto del vitello accompagnato da verdure.
Settimo Giorno
A colazione, caffè e latte scremato. A pranzo minestrone con riso integrale con verdure. A cena del pollo con verdure alla griglia.

Dieta del minestrone: fa davvero dimagrire?
Effettivamente le verdure che contengono sali minerali, fibre, vitamine hanno un effetto disintossicante e depurativo che ci aiuta a dimagrire. Tuttavia gli esperti ritengono che non sia una dieta equilibrata in quanto è una dieta che pone al centro un solo alimento e trascura gli altri. Un altro limite sottolineato dagli esperti è dato dalla mancanza dei carboidrati complessi che mantengono costanti i valori della glicemia nel sangue. Un altro elemento negativo è rappresentato dall'assenza di proteine in 4 giorni su 7, in questo modo l'organismo elimina i liquidi ma la carenza di proteine incide sulla massa muscolare che diminuisce, e quindi non si dimagrisce in maniera corretta. Vi può essere anche un deficit di vitamine perché quelle contenuto nelle verdure sono termolabili ovvero si disperdono col calore. Per questo potreste accusare mal di testa, dolori alle articolazioni, debolezza, aumento della diuresi e fastidi intestinali. Pertanto non è indicata a chi soffre di colon irritabile, patologie cardiache, pressione alta o bassa, a chi presenta delle intolleranze alimentari o per chi pratica un'attività fisica a livello professionale. Insomma anche la dieta del minestrone sconta il limite comune a tutte le diete veloci o last minute in cui si assiste a un rapido dimagrimento durante i giorni di dieta che però si riprendono con estrema facilità.


© Riproduzione riservata