Attualità Ravanusa

Ravanusa, un nuovo VIDEO inedito dell'esplosione

Auto travolta, due donne salve per miracolo

https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/02-01-2022/ravanusa-un-nuovo-video-inedito-dell-esplosione-500.jpg Ravanusa, un nuovo VIDEO inedito dell'esplosione

Agrigento - Continuano le indagini per ricostruire la tragedia di Ravanusa, con un'esplosione che è costata la vita a nove persone. Gli inquirenti stanno visionando le riprese di una telecamera di sorveglianza, che si possono vedere in questo video, e martedì torneranno sul luogo del disastro per ulteriori riscontri e sopralluoghi.

Le immagini mostrano delle scene incredibili, con l'esplosione e il boato che travolgono un'auto di passaggio, con a bordo due donne, miracolosamente illese e che fuggono terrorizzate.

Nel video, risalente al giorno della tragedia, l'11 dicembre scorso, in una parallela di via Trilussa. Nelle immagini si vedono i fari dell'auto, poi l'esplosione e il boato. Passa qualche secondo e si vedono due donne scendere dall'auto lasciare gli sportelli aperti e fuggire via, miracolosamente illese ma ovviamente terrorizzate, con la parte posteriore dell'auto completamente distrutta.

Sono dieci, tra vertici nazionali e regionali di Italgas, gli indagati dalla Procura di Agrigento. Il fascicolo, che ipotizza i reati di disastro colposo ed omicidio colposo plurimo, è stato aperto come atto dovuto per eseguire la prossima settimana un incidente probatorio, quindi un atto irripetibile, nel luogo della tragedia, in via Trilussa.

"Gli avvisi di garanzia si rendevano necessari al fine di poter effettuare nel contraddittorio delle parti accertamenti tecnici non ripetibili, che si svolgeranno nei prossimi giorni per ricostruire la dinamica degli eventi. La società, nel prendere atto di tali provvedimenti, conferma la massima collaborazione nel corso delle prossime attività a supporto agli inquirenti, come ha fatto fin dall'inizio", ha affermato in una nota Italgas Reti.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1568098003-3-tumino.jpg


© Riproduzione riservata