Cronaca Il rapporto

L’identikit degli scomparsi: chi e dove sparisce, in Italia e in Sicilia

Sull’Isola scompaiono più minori che in ogni altra regione, ed è più difficile ritrovarli

Sull’Isola scompaiono più minori che in ogni altra regione, ed è più difficile ritrovarli

 Ragusa - L’identikit di chi scompare è quanto di più indefinito si possa immaginare. «La verità è che “Non esistono persone geneticamente predisposte all’allontanamento, nessuno è potenzialmente immune: la casistica evidenzia come non ci sono quartieri più a rischio rispetto ad altri, né professioni o mestieri immuni o situazioni e famiglie con riserva - sostiene l’associazione Penelope -. Può davvero riguardare e stravolgere la vita di chiunque, improvvisamente ed inaspettatamente”. Certo in Italia scompaiono molti più stranieri - diretti dal nostro verso altri paesi, senza lasciare tracce - che connazionali. Qui la lista è variegata e trasversale ad età e fasce sociali. 

Secondo l’ultima relazione del commissario straordinario del governo per le persone scomparse, le regioni in cui il fenomeno delle denunce di scomparsa si manifesta numericamente più consistente – in base ai dati dal 1° gennaio 1974 al 31 dicembre 2020 - sono la Lombardia con 39.848 denunce, di cui 33.634 ritrovati e 6.214 da ritrovare; segue la Sicilia con 37.866 denunce, di cui 18.555 ritrovati e 19.311 da ritrovare (in pratica, oltre il 50% resta disperso); infine il Lazio con 33.697 denunce, di cui 25.653 ritrovati e 8.044 da ritrovare. In fondo alla classifica Valle d’Aosta (0,12% del totale delle denunce), Molise (0,37%) e Basilicata (0,50%). Nella scomparsa di minori, però, il primato delle denunce spetta alla Sicilia (25.528, di cui 20.535 stranieri e 4.993 italiani), in un podio che condivide sempre con Lombardia (21.463 di cui 13.857 stranieri e 7.606 italiani) e Lazio (15.740, di cui 11.401 stranieri e 4.339 italiani).

In Sicilia la percentuale delle denunce di scomparsa relative a minori stranieri è superiore all’80% del totale regionale, mentre in Lombardia è di circa il 64%. Sull’Isola ne sono stati ritrovati 9.478 (5.073 stranieri e 4.405 italiani), in Lombardia 17.027 (9.715 stranieri e 7.312 italiani). Sono numeri enormi eppure il 2020 ha consolidato, a livello nazionale, la chiusura della forbice fra cittadini scomparsi e ritrovati.  Proprio oggi, martedì 25 maggio, in occasione della Giornata Internazionale dei Bambini Scomparsi, Telefono Azzurro e il commissario per le persone scomparse s’incontrano sul tema della scomparsa di bambini e adolescenti, in Italia e nel mondo.«Occorre perseverare in quelle azioni assistenziali e sociali che possono incidere sulla prevenzione del fenomeno, agendo alla radice delle motivazioni che inducono alla scomparsa» conclude il rapporto. 


© Riproduzione riservata