Cultura Cultura e Spettacolo

Alessio Boni interpreterà Vincenzo Bellini in una docu-fiction Rai

Dopo La Compagnia del Cigno vedremo Alessio Boni interpretare i panni del noto compositore Catanese, Vincenzo Bellini

Alessio Boni interpreterà Vincenzo Bellini in una docu- fiction Rai

Alessio Boni, l’attore Italiano degli occhi di un azzurro glaciale che tende al verde, e dell’aspetto che lo fa assomigliare a una sorta di Apollo ha postato nei giorni scorsi sui social delle foto mentre si trovava a Catania.
Alessio Boni, terzo di tre fratelli, nato il 4 luglio 1966 a Samico, in provincia di Bergamo nei giorni scorsi ha postato diversi selfie mentre si trovava a Catania sul set anticipando che la Rai girerà un documentario sulla vita di Vincenzo Bellini.
Alessio Boni sarà Bellini in una docu-fiction Rai
Alessio Boni torna sugli schermi interpretando la vita del compositore operista dell’ottocento, Vincenzo Bellini. Dopo il grande successo de La Compagnia del Cigno, accanto ad Anna Valle, dove impersonava il maestro Luca Marioni, personaggio duro e crudo, intransigente e temuto dai suoi alunni ora vestirà i panni del compositore Catanese. Dopo La Compagnia del Cigno, la serie televisiva italiana creata e diretta da Ivan Cotroneo, la Rai torna a raccontare un pezzo della storia catanese.

Il documentario
Alessio Boni, attore italiano che vanta collaborazioni con i più grandi palchi e protagonista di svariati ruoli cinematografici vestirà i panni del compositore Bellini nel documentario rai dedicatogli. Per l’occasione l’attore ha postato sui social degli scatti nella città di Catania, condividendo la notizia del documentario a cui presto prenderà parte.
Vincenzo Bellini
Vincenzo Salvatore Carmelo Francesco Bellini nato a Catania il 3 novembre 1801 è stato un compositore italiano. Gran parte di ciò che ci perviene della vita di Bellini e della sua attività di musicista proviene dalla lettere lasciate e scritte al suo amico Francesco Florimo, incontrato come compagno di studi a Napoli.
Fu certamente un figlio d’arte, il padre infatti prima di lui fu compositore e lo portò all’amore per la musica. Bellini studiò a Napoli, ma anche al nord Italia e nei suoi ultimi giorni di vita si recò a Parigi. Lascia un patrimonio musicale e artistico singolare. Le sue opere restano di stampo romantico, con un forte richiamo alle passioni e i ai sentimenti della vita di tutti i giorni

Gli esordi di Alessio Boni nel mondo dello spettacolo 
Alessio Boni a quattordici anni lavora come piastrellista insieme al padre e in seguito presta servizio per circa un anno e mezzo nella Polizia di Stato. Desideroso di far esperienze, Boni a venti anni si trasferisce a San Diego, in California, dove si cimenta in diversi impieghi per mantenersi, dal babysitter al pony express. Al suo rientro in Italia, incerto sul da farsi, inizia a lavorare come animatore in un villaggio turistico. Nel 1988 entra nel mondo dello spettacolo.
Prossimamente prima di vederlo nei panni di Vincenzo Bellini, lo vedremo in un film che ha fatto con Marco Tullio Giordana. Sarà sull’omicidio di Yara Gambirasio, un caso che sconvolse non solo la Bergamasca ma l’intero Paese. E poi a teatro con il suo Don Chisciotte, bloccato lo scorso anno, quando si trovava in piena tournée teatrale.
 


© Riproduzione riservata