Economia Fondi

Finanziamenti alle aziende agricole ragusane, il 90% a carico della Regione

Vittoria capofila del distretto orticolo del Sud-Est, che adesso pensa in grande

https://immagini.ragusanews.com//immagini_articoli/15-07-2022/finanziamenti-alle-aziende-agricole-ragusane-il-90-a-carico-della-regione-500.jpg Finanziamenti alle aziende agricole ragusane, il 90% a carico della Regione

 Vittoria – Un finanziamento regionale di un milione e mezzo di euro: c'è il comune di Vittoria, sede del distretto orticolo del Sud-Est, a capo del centinaio di imprese, consorzi e cooperative agricole isolane inserite nella graduatoria del “Cluster in Sicilia” che potranno ricevere somme importanti per la loro attività grazie ai fondi Poc Sicilia 2014/2020 e all’anticipazione Fsc 2021/2027. La Regione si accollerà il 90% del costo dei loro progetti - che saranno realizzati nell’arco di due anni - mentre il restante 10 sarà a carico delle aziende sparse nei territori di 18 comuni distribuiti in 5 province, tra cui la prima è quella iblea.

“Il finanziamento permetterà di migliorare la produzione, ridurre i costi di gestione e aprire nuove prospettive di sviluppo commerciale - dice il direttore del Doses, Gianni Polizzi -. L’acquisto di mezzi comuni destinati all’uso collettivo (trattrici, camion, case mobili per l'alloggio temporaneo degli operai) permetterà di abbattere i costi di gestione: organizzeremo al meglio il marketing delle aziende, con studi di mercato e partecipazione a fiere. Avremo anche un marchio che permetterà di identificare e lanciare i nostri prodotti, tutti accomunati da un dettagliato disciplinare”.

Si pensa in grande, con "nuove infrastrutture digitali, investimenti e azioni commerciali di internazionalizzazione: è previsto anche un sistema di tracciabilità della filiera mediante tecnologia blockchain - continua Polizzi -. Un fiore all’occhiello sarà la realizzazione di piattaforme logistiche, con servizi specialistici annessi”. Un pacchetto promozionale e tecnologico per il re-start "a disposizione di tutti gli associati, realizzando così un’economia di scala" che abbatta le spese fisse ed efficienti le pratiche colturali.


© Riproduzione riservata