Economia Agricoltura

Verdura e ortaggi, a Ispica la crisi accorcia il raccolto pianificato

La Fonteverde: “Per la prima volta programmiamo la stagione con cautela”

https://immagini.ragusanews.com//immagini_articoli/20-09-2022/verdura-e-ortaggi-a-ispica-la-crisi-accorcia-il-raccolto-pianificato-500.jpg Verdura e ortaggi, a Ispica la crisi accorcia il raccolto pianificato

 Ispica - La provincia di Ragusa va incontro alla stagione di peperoni e zucchine con almeno due dubbi: "Il primo riguarda la certezza di un aumento dei costi agricoli, il secondo l’incertezza sul livello dei consumi per la diminuzione degli acquisti potere delle fattorie e delle famiglie" dice a TGcomnews24 Carmelo Calabrese dell’associazione di agricoltori OP Fonteverde di Ispica, che hanno deciso di ridurre la superficie di peperoni del 15-20%". Una porzione di terreno più piccola anche "per le zucchine e la nostra area di isole a Denominazione di Origine Protetta Carota Novella di Ispica". Accanto a inflazione e rincari, secondo Calabrese c'è anche un problema di manodopera, perché "molti lavoratori sono passati dall’orticoltura all’edilizia", che sta godendo di bonus e superbonus statali togliendo organico all'altro settore.

Di sicuro, afferma, è "la prima volta che pianifichiamo una stagione non caratterizzata da crescita, ma con cautela”. Nel comparto alimentare siciliano, intanto, è già andata male al miele (-40% sul potenziale produttivo) e, nonostante l’ottimo export, adesso pure all'olio: secondo gli ultimi dati Coldiretti e Unaprol, la siccità ha bruciato circa il 30% della produzione potenziale olivicola. In verità la siccità quest’anno non ha colpito il Sud, o almeno non quanto il Nord: in Sicilia i volumi invasati sono migliorati rispetto al 2021. Semmai il problema è la dispersione idrica dalle tubazioni, ma le motivazioni nella prudenza della semina sono squisitamente economiche e non climatiche.


© Riproduzione riservata