Attualità Tv

Commissario Montalbano, lo sguardo di Dio sulle umane miserie

Il bagno catartico, e il ritmo lento e riflessivo di Salvo Montalbano

La Giostra degli Scambi, ovvero la tragedia degli equivoci, si conclude con l'arresto dell'assassino, e Salvo Montalbano si concede un bagno purificatore nella spiaggia di Marinella-Punta Secca. Il regista Alberto Sironi, già aiuto di Giorgio Strehler, spiega il senso dell'inedita inquadratura col drone, in cui la cinepresa si allontana, mentre Luca Zingaretti resta a galla facendo il morto, come si dice nel linguaggio del nuoto. "Andrea Camilleri scrive orma romanzi scuri, pieni di ombre, anche Zingaretti è più riflessivo e il film ha meno azione che in passato. Una volta Andrea disse: voglio portare Montalbano con me, sull'orlo dell'abisso. Ecco, fermo restando che il commissario di Vigata si prende ancora le sue arrabbiature, la puntata si conclude con un tuffo liberatorio. L'occhio della cinepresa, grazie al drone, va sempre più in alto, come fosse lo sguardo di Dio, che osserva le nostre miserie". 

Il post-prima puntata della nuova serie è occasione utile per ricordare Marcello Perracchio, "l'insostituibile". "Marcello somigliava al dottore Pasquano. Non poteva mangiare dolci -ricorda Sironi-, gli portavamo i cannoli senza zucchero, con la ricotta magra. Diventava una iena, voleva quelli veri". 

La puntata più vista di sempre

La Giostra degli scambi è stata la puntata più vista di sempre, con 11 milioni 386 mila spettatori e il 45,1% di share, seguita  da Come voleva la prassi, del 6 marzo 2017, con 11 milioni 268 mila e il 44,1% di share, Una faccenda delicata, del 29 febbraio 2016, con 10 milioni 862 mila e il 39,06% di share, Una lama di luce, del 6 maggio 2013, con 10 milioni 715 mila, e il 38,13 di share, e infine Un covo di vipere, del 27 febbraio 2017, con 10 milioni 674 mila e il 40,8% di share.