Benessere Dieta lampo

Dimagrire con la dieta dei tre giorni

Una dieta ipocalorica che ha efficacia nel breve periodo

La dieta dei tre giorni è indicata per perdere peso in maniera rapida. Permette infatti di perdere fino a 4 chili in appena 3 giorni. Si tratta quindi di una dieta lampo. Non parliamo di un regime dietetico recente, nel senso che è stata messa a punto negli anni 80' dalla Cleveland Clinic di Cleveland, in Ohio. Con l'avvento di internet ha conosciuto una certa popolarità. L'obiettivo di questa dieta è quindi quello di dimagrire velocemente. Riguardo questa dieta, di cui ne esiste più di una variante, si propende a ritenere che sia stata ideata per aiutare la perdita di peso delle persone in sovrappeso affette da patologie al cuore. Possiamo definirla una dieta ipocalorica che ha efficacia nel breve periodo. La dieta dei tre giorni si basa sull'aumento del consumo degli alimenti proteici rispetto ai grassi e ai carboidrati. Le proteine infatti per poter essere assimilate dall'organismo richiedono dalle 10 alle 12 ore, per cui ci danno un senso di sazietà che dura più a lungo. Tuttavia un eccesso di proteine fa tutt'altro che bene all'organismo che può rimanerne intossicato, quindi durante questa dieta dei tre giorni è necessario bere molto, almeno 1,5-2 litri di acqua al giorno, che corrispondono a circa 6 o 10 bicchieri di acqua al giorno, proprio per facilitare lo smaltimento di queste tossine.

Dieta dei tre giorni: caratteristiche
La dieta prevede solo tre pasti quotidiani senza spuntini o merende: colazione pranzo e cena. Dura tre giorni a settimana, nei restanti giorni si può riprendere a mangiare secondo le proprie abitudini. La colazione e la cena sono i pasti più sostanziosi della giornata, mentre il pranzo sarà leggero. La dieta prevede un introito di circa 1000-1200 calorie al giorno. In questi tre giorni di dieta le uniche bevande ammesse oltre l'acqua, sono il caffè o il tè. Unici condimenti previsti: sale e pepe. Dopo questi tre giorni la perdita di peso si deve principalmente ai liquidi persi e all'eliminazione delle scorie. Va accompagnata anche ad un programma di ginnastica: 30 minuti al giorno sono sufficienti. Prima di seguire questo percorso dietetico chiedete consiglio al vostro medico che saprà indirizzarvi per il meglio.

Primo giorno
Colazione: latte parzialmente scremato (100 grammi), caffè oppure tè o orzo, un cucchiaino di zucchero e una fetta biscottata.
Pranzo: una scatoletta da 80 grammi di tonno sott’olio sgocciolato accompagnato da pomodori oppure insalata o fagiolini e 40 grammi di pane o in alternativa un pacchetto di cracker da 25 grammi.
cena: minestrone di verdure e 50 grammi di prosciutto crudo.
Secondo giorno
Colazione: caffè o tè con un uovo o una banana.
Pranzo: 60 grammi di formaggi magri ad esempio ricotta o fiocchi di latte e 2 crackers e una insalata con pomodori o altra verdura cruda a scelta.
cena: 100 grammi di bresaola o prosciutto crudo e contorno di verdure lesse condite con un filo di olio di oliva
Terzo giorno
Colazione: una fetta di formaggio con una fetta di pane e un frutto.
pranzo: un uovo sodo con una insalata e una fetta di pane.
cena: una scatoletta di tonno da 80 grammi con verdura a scelta bollita oppure cruda, un frutto e per concludere una pallina di gelato alla vaniglia.
Una interessante variante riguarda la dieta dei tre giorni per il cambio di stagione. In questi mesi dell'anno, ad esempio ottobre e novembre, tendiamo ad essere più stanchi ed affaticati e meno concentrati a causa dell'adattamneto dell'organismo al mutamento del clima.

Dieta dei tre giorni per il cambio di stagione
La colazione identica per tutti e tre i giorni è la seguente: tè verde più una spremuta d’arancia più due fette di pane di segale e uno yogurt greco.
Spuntino a metà mattinata e nel pomeriggio identico per i tre giorni della dieta: tisana disintossicante più un frutto di stagione a scelta e 4 mandorle.
Primo giorno
Pranzo: insalata di cicoria, 180 grammi di tacchino alla griglia, due fette di pane integrale.
Cena: minestrone a base di sole verdure, due gallette di quinoa, 70 grammi di bresaola e carciofi al vapore.
Secondo Giorno
Pranzo: zuppa di legumi (vanno bene 70 grammi di legumi secchi), 250 grammi di verdure al vapore, una patata lessata.
Cena: petto di pollo ai ferri (180 grammi), insalata di pomodori e carote, due gallette di quinoa.
Terzo Giorno
Pranzo: pasta integrale 50 grammi con pomodoro e verdure di stagione, due uova sode.
Cena: 140 grammi di salmone ai ferri più insalata verde e barbabietole, due gallette di quinoa.