Benessere Frutti di bosco

Dieta dei lamponi: come dimagrire con questo frutto gustoso

I lamponi promuovono due processi molto importanti per dimagrire: la lipolisi e l'adiponectina

Gustosi, belli a vedersi e anche dimagranti: cosa si può volere di più da un alimento? Parliamo dei lamponi, un frutto che per le sue proprietà può aiutarci a dimagrire. Come gli altri frutti di bosco, anche i lamponi sono ricchi di antiossidanti e vitamina C che rallentano l'invecchiamento cellulare e aiutano a irrobustire il sistema immunitario. L'apporto calorico inoltre è piuttosto modesto, per cui se ne possono mangiare a volontà senza sensi di colpa. Ci sono però dei motivi specifici per integrarlo nella dieta al fine di perdere qualche chilo di troppo e quindi ritrovare il peso forma.

I lamponi sono un frutto ricco di fibre, circa 7,4 grammi per etto. Le fibre producono due effetti fondamentali: favoriscono la regolarità dell'intestino e il senso di sazietà. Oltre a ciò diminuiscono l'assorbimento dei nutrienti e quindi anche degli zuccheri che vengono immagazzinati dall'organismo sotto forma di grassi. In tal modo i lamponi evitano che possano verificarsi picchi glicemici e quindi aiutano a mantenere costanti i livelli della glicemia. Inoltre i sali minerali, calcio, magnesio e potassio, hanno un effetto depurante e drenante, che aiuta contro gonfiori e ritenzione idrica.

Tuttavia la proprietà fondamentale che rende i lampioni utili per chi segue una dieta dimagrante è la presenza dei chetoni, che oltre a conferire il caratteristico sapore a questo frutto, hanno un effetto termogenico, ovvero aiutano l'organismo a bruciare i grassi e diminuiscono anche l'appetito. Sintetizzando i lamponi promuovono due processi molto importanti per dimagrire: la lipolisi e l'adiponectina. Il primo consiste nella degradazione dei lipidi. Detto in parole semplici il grasso presente negli adipociti si scioglie. La seconda invece è una molecola secreta dalle cellule adipose che facilita il consumo dei grassi di deposito e quindi la sua attivazione è molto positiva perchè significa che la dieta sta iniziando a produrre risultati. Il lampone presenta anche altre caratteristiche utili per la salute: è indicato nella sindrome premestruale, ha proprietà antispasmodiche e decongestionanti, diuretiche, depurative e antinfiammatorie. I lamponi contengono l'acido ellagico, un potente antiossidante che avrebbe effetti antitumorali ed è utile anche per abbassare il colesterolo. Questo frutto previene anche l'ipertensione e le patologie cardiovascolari perché aumenta la resistenza dei vasi sanguigni. Riguardo alle controindicazioni è sconsigliato se si soffre di problemi ai reni o di gotta perché contiene l'acido ossalico. Se si è in terapia con farmaci a base di ferro, i lamponi ne potrebbero limitare l'assorbimento.

Dieta dei lamponi: esempio di una giornata tipo
Colazione: una fetta di pane integrale di segale con una composta di lamponi, ma senza aggiungere zuccheri, oppure in alternativa uno yogurt bianco e 5-6 lamponi e un caffè d’orzo o un tè verde.
Spuntino: frutta secca a scelta.
Pranzo: un’insalata a base di valeriana a cui andrete ad aggiungere circa 10 lamponi, cubetti di formaggio ad esempio caprino o ricotta di pecora, da condire con aceto balsamico: a scelta 40 grammi di lenticchie o piselli.
Merenda: una manciata di frutta secca: mandorle o noci a scelta.
Cena: 70 grammi di riso nero a cui aggiungere 7-8 lamponi freschi, 6 code di gambero lessate e pinoli, rosmarino e salvia tritati. Come contorno carote o zucchine saltate in padella, condite con olio extravergine.


© Riproduzione riservata