Benessere Prevenzione

Disinfestazione e disinfezione: qual è la differenza, facciamo chiarezza?

Disinfettare gli indumenti

La diffusa disinformazione sul virus espone tutti noi a rischio e aumenta lo stress causato dal dover distinguere i fatti dalle fake news. Ora che quasi tutti gli italiani sono costretti a rimanere in casa, potendo uscire solo per motivi di necessità, si deve pensare anche alla prevenzione dell'epidemia da coronavirus fra le quattro mura domestiche «assolutamente necessaria per proteggere noi e i nostri cari» e da fare «evitando molti sprechi inutili». È quanto suggerisce Greenpeace Sud Est Asia, ufficio che racchiude Cina e Filippine che hanno per primi affrontato il Covid-19. Mentre sono in corso ricerche sul COVID-19, sappiamo che il virus viene trasmesso tramite il contatto diretto con le goccioline espirate (droplet) da una persona infetta attraverso la tosse e lo starnuto, oppure toccando superfici contaminate dal virus.

Facciamo chiarezza tra sterilizzazione e disinfezione
Il virus può sopravvivere sulle diverse superfici da poche ore a diversi giorni, a seconda dei materiali di cui sono composte. La buona notizia però è che semplici disinfettanti di uso domestico possono ucciderlo. Cosa significa questo per la tua casa?

Quando si parla di pulizia delle strade o di debellare le proprie abitazioni da eventuali parassiti, si sentono nominare termini come: sterilizzazione, disinfezione, sanificazione e disinfestazione senza conoscere bene la differenza tra queste varie locuzioni. In generale, quando in un locale si debbono eliminare dei parassiti come i topi, si parla di disinfestazione o disinfezione. Nonostante questi due termini vengono spesso utilizzati come sinonimi, indicano due cose totalmente differenti. Nel settore della pulizia e della lotta ai parassiti in generale si utilizzano spesso termini come: sanificazione, sterilizzazione, disinfezione e disinfestazione: cerchiamo di capire le differenze. Nel processo di liberazione di un ambiente da parassiti di vario genere, di solito insetti e animali come ratti, si parla di disinfezione e disinfestazione. Questi termini vengono impiegati spesso come sinonimi, ma in realtà non è esatto, anzi si tratta di fatto di due cose diverse. Entrambe sono comunque tappe importanti del processo necessario per liberarsi dai parassiti, quindi diciamo che hanno lo stesso obiettivo: garantire un ambiente pulito e sanificato. Blatte, topi, ragni e altre tipologie di animali che sono soliti invadere le abitazioni possono essere infatti vettori di microrganismi che possono compromettere l’igiene degli ambienti. Il processo di disinfezione e quello di disinfestazione sono quindi spesso associati, perché prima si elimina il problema e poi si ripristina la salubrità dell’ambiente.

Disinfezione o disinfestazione: dipende dai casi, quale è la migliore? anche entrambi
L’attività di disinfezione è quella che occorre per rendere sano un ambiente determinato andando a distruggere ed eliminare potenziali microrganismi patogeni. Questo avviene di solito mediante l’utilizzo di agenti disinfettanti, spesso di natura chimica, capaci di ridurre i microbi presenti su superfici e oggetti. Prima di fare la disinfezione, affinché abbia senso e sia efficace, occorre eliminare residui di sporco che potrebbero compromettere la riuscita dell’operazione. Questo sporco nel caso di un processo di disinfestazione è costituito da insetti (ormai morti), feci e uova degli stessi. Prima di intervenire con la disinfezione, vanno quindi messe in atto tutte quelle operazioni e procedimenti che servono per scovare e distruggere insetti e animali infestanti, cioè la disinfestazione. Questi, infatti, possono esser vettori di microbi e agenti infettivi che sono pericolosi per la salute delle persone. In base al tipo di infestazione, sia essa massiccia o lieve, e al tipo di creatura sgradita presente si procederà utilizzando metodi e prodotti differenti. Se la disinfestazione è seguita molto spesso poi da un processo di disinfezione, non è vero, tuttavia, il contrario. In alcuni casi, infatti, la disinfezione può essere richiesta per altri motivi, come possono essere tutti i casi in cui un ambiente o un oggetto è stato soggetto a microrganismi potenzialmente patogeni, (spore, muffe, virus, batteri etc.) e si vuole ridurre il rischio di infezioni, in presenza di malati o anche per la sicurezza generale. Quando si parla di pulizia delle strade o di debellare le proprie abitazioni da eventuali parassiti, si sentono nominare termini come: sterilizzazione, disinfezione, sanificazione e disinfestazione senza conoscere bene la differenza tra queste varie locuzioni.

In generale, quando in un locale si debbono eliminare dei parassiti come i topi, si parla di disinfestazione o disinfezione. Nonostante questi due termini vengono spesso utilizzati come sinonimi, indicano due cose totalmente differenti.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1599660011-3-crai.gif

Pulizie di casa. La pulizia e la disinfezione periodica delle superfici high-touch in casa è un'importante precauzione per ridurre il rischio di infezione. Segui le istruzioni per la pulizia del prodotto per un uso sicuro ed efficace, comprese le precauzioni da prendere durante l'applicazione del prodotto, come indossare guanti e assicurarsi di avere una buona ventilazione. Alcune autorità nazionali hanno stilato elenchi di prodotti raccomandati per l'uso, contro il virus COVID-19.

Disinfettare gli indumenti. Disinfettare indumenti e abiti è al giorno d’oggi un obbligo per evitare l’insorgenze di sgradevoli allergie, infezioni e malattie. L’ambiente esterno è saturo di microrganismi nocivi soprattutto nelle grandi città dove l’inquinamento atmosferico è elevato. Quando siamo fuori casa i nostri indumenti si saturano di germi che portiamo abitualmente in casa; oltre a disinfettare la nostra abitazione, e tutto ciò in essa contenuta, dobbiamo imparare a disinfettare i nostri abiti per decontaminarli da batteri e virus dannosi per la nostra salute e per quella della nostra famiglia.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1599660011-3-crai.gif

Come fare il bucato, adesso? I banali compiti domestici si sono trasformati in una fonte di incertezza e ansia, mentre le famiglie si danno da fare per svolgere le mansioni di base mantenendo i propri cari al sicuro e in buona salute.

Come disinfettare i nostri abiti? E’ buona abitudine, appena rientrati in casa, quella di spogliarsi e mettersi degli abiti appositamente dedicati all’ambiente casalingo. Gli indumenti che sono stati utilizzati per stare fuori casa è bene arieggiarli se non sono sporchi e desideriamo riutilizzarli (in balcone per esempio) o metterli nel cesto dei panni da trattare con un eventuale lavaggio. Consiglio di non riporre i nostri abiti con quelli dei nostri bambini; impariamo a dividere ed a lavare gli abiti degli uni e degli altri in modo separato…..ricordiamoci che le difese immunitarie di un adulto sono molto più sviluppate rispetto a quelle di un bambino.

Come disinfettare i nostri abiti? In commercio sono a disposizione moltissimi prodotti per disinfettare abiti ed indumenti; oltre al normale detergente, che utilizzeremo per il lavaggio, possiamo trovare degli additivi creati per disinfettare e quindi eliminare germi e batteri dai nostri vestiti. Ricordo sempre che anche in natura esistono disinfettanti efficaci sicuramente meno tossici come il bicarbonato e l’aceto che con l’aggiunta del nostro classico detersivo ci daranno degli ottimi risultati inquinando meno il nostro amato pianeta.

Fare il bucato a casa ai tempi de Covid 19
-Pulisci regolarmente lenzuola, asciugamani e vestiti. -Non agitare la biancheria sporca per ridurre al minimo la possibilità di disperdere il virus nell'aria. -Lava gli oggetti con sapone o detergente, utilizzando acqua calda (a temperatura appropriats) e asciuga ompletamente gli elementi: entrambi i passaggi aiutano a eliminare il virus. -Lavati le mani con acqua e sapone o usare uno strofinamento a base di alcol, subito dopo. -Lavati o disinfetta anche il sacchetto della biancheria e il cesto. Valuta di conservare la biancheria in sacchetti usa e getta.

Fare il bucato fuori casa. Se è necessario utilizzare un servizio di lavanderia fuori casa, prendere precauzioni sensate: -Prepara il bucato prima di uscire di casa per ridurre al minimo il tempo che passi fuori. -Prova ad andare in un momento in cui ci sono meno persone. -Mantieni la distanza fisica da altre persone. -Indossa guanti monouso, se disponibili, disinfetta le superfici di tutte le macchine che usi e non toccarti il viso. -Per i servizi di lavanderia interna, aspetta che finisca la biancheria, se puoi. -Piega il bucato a casa. -Lava le mani con acqua e sapone o usa uno strofinamento a base di alcol, subito dopo. -Lava o disinfetta anche il sacco / il cesto della biancheria. Valuta di conservare la biancheria in sacchetti usa e getta. Se non si ha accesso al servizio lavanderia, lavare a mano i vestiti a casa con sapone o detergente e l'acqua calda a temperatura appropriata.


© Riproduzione riservata