Benessere Carboidrati e dieta

Dieta chetogenica: cosa mangiare per dimagrire velocemente

L'apporto nutrizionale dei carboidrati è diverso a seconda del tipo di carboidrato che si assume. Eliminare i carboidrati in una dieta chetogenica è efficace per dimagrire velocemente.

Carboidrati e dieta: non sono tutti uguali

Pastapane e pizza: croce e delizia per i golosi. La piacevolezza di questi alimenti, ha il suo contraltare nel senso che se si eccede, possono portare a ingrassare. Ma cosa sono i carboidrati? Si chiamano così perché sono molecole costituite da carbonio, idrogeno e ossigeno. Questi macro-nutrienti ci forniscono il glucosio, il combustibile che il nostro organismo utilizza per vivere. Numerosi studi hanno evidenziato che un eccesso di consumo degli alimenti che li contengono, ci espone a un aumento del rischio di obesità, diabete, ipertensione e anche patologie tumorali.

Dieta chetogenica: cos'è e come funziona
La dieta chetogenica è una dieta proteica che riduce in modo drastico i carboidrati con lo scopo di costringere l’organismo a utilizzare i grassi come fonte di energia. In presenza di carboidrati, infatti, tutte le cellule ne utilizzano l’energia per svolgere le loro attività. Ma se questi vengono ridotti, esse cominciano a utilizzare i grassi. Si avvia quindi un processo chiamato chetosi, perché porta alla formazione di molecole chiamate corpi chetonici.
Oggi il successo della dieta chetogenica è legato soprattutto alla sua efficacia di ridurre il peso velocemente. Tuttavia non si tratta di un regime semplice da seguire. Basta infatti «sgarrare» anche di poco nell’assumere carboidrati per indurre l’organismo a bloccare la chetosi. Il consiglio è quello di seguire una dieta chetogenica per brevi periodi alternandola un’alimentazione sana ed equilibrata, anche a base di carboidrati.

Carboidrati: l'importanza della distinzione
Bisogna distinguere i carboidrati semplici e i carboidrati complessi.  I primi che si definiscono anche zuccheri, vengono assorbiti rapidamente da parte dell'organismo. All'interno di questa categoria si differenziano ulteriormente in monosaccaridi, i più conosciuti sono glucosio, fruttosio e galattosio. I disaccaridi invece comprendono saccarioso lattosio e maltosio. Questi zuccheri semplici che ci forniscono energia immediata si trovano naturalmente in alcuni cibi, ad esempio nella frutta ma possono anche essere aggiunti in alimenti e bevande, per cui dobbiamo sempre controllare attentamente le etichette. I carboidrati complessi, a differenza degli zuccheri semplici, vengono assorbiti più gradatamente ed evitano i picchi glicemici nel sangue. La glicemia indica il livello di concentrazione di zuccheri nel sangue. Nei carboidrati complessi è presente l'amido che ci fornisce energia a lento rilascio perché le molecole di glucosio da cui è costituito vengono scisse durante la digestione per consentirne l'assimilazione.I carboidrati semplici, ovvero gli zuccheri, farina raffinata, pane bianco, fanno aumentare velocemente la glicemia.  


© Riproduzione riservata
https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1605517077-3-bapr-arca.gif