Attualità Roma

Anche Gigi Proietti in fila per la cremazione, poi vicino a Camilleri

Le offerte delle altre regioni, l’attore sarà poi sepolto nel cimitero acattolico come lo scrittore siciliano

Uno dei molti murales dedicati a Proietti, che continuano a spuntare sui muri di Roma

 Aveva chiesto di essere cremato e sepolto nel cimitero acattolico di Testaccio. Ma, come riporta Il Messaggero, non è escluso che anche le spoglie mortali di Gigi Proietti debbano aspettare a lungo prima di riposare per sempre, vista la situazione d’emergenza che vive Roma, con decine di salme che da giorni in attesa della cremazione. Ma l’attore era tanto amato che stanno arrivando offerte da altre regioni italiane, per cui sarebbe un onore risolvere il problema: «Dopo aver appreso della notizia delle difficoltà incontrate, con probabile slittamento di una settimana nella cremazione della salma di Gigi Proietti – scrive  la Tempio Mater di Castel Volturno, dalla Campania - abbiamo deciso di offrire alla famiglia la nostra piena disponibilità ad effettuare gratuitamente la cremazione».

Tra gli infiniti lavori di ristrutturazione e le solite pratiche burocratiche, i tempi d’attesa nella capitale arrivano a quasi due mesi per ottenere le ceneri dei propri cari. Le richieste di cremazione sono aumentate anche perché più igieniche, dal punto di vista dell’emergenza sanitaria Covid, rispetto alla tradizionale sepoltura. Dal cimitero Flaminio (o di Prima Porta) dove sono materialmente i forni, i resti di Proietti saranno poi sepolti nello storico Cimitero degli Inglesi, nel quartiere Testaccio, dove dall’anno scorso riposa – tra i tanti nomi celebri come Gadda, Keats e Shelley - anche Andrea Camilleri. Non perché l’attore fosse ateo, ma per l’assoluta eccellenza artistica incarnata in vita. 


© Riproduzione riservata
https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1631185761-3-minauda.jpg