Benessere Dimagrire senza glutine

La dieta di Noemi senza glutine: menù settimanale

La dieta senza glutine impazza anche tra le star, coinvolgendo nomi come Noemi.

https://immagini.ragusanews.com//immagini_articoli/19-03-2021/la-dieta-di-noemi-senza-glutine-menu-settimanale-500.jpg La dieta di Noemi senza glutine: menù settimanale

L'alimentazione gluten free: va bene per tutti? Noemi ha scelto una dieta senza glutine per dimagrire.
Di recente gli alimenti gluten free hanno subito una larga diffusione, anche tra le persone che in realtà non ne avrebbero necessità, non essendo celiaci. La convinzione che questi prodotti non facciano ingrassare dilaga a dismisura. L’Alimentazione priva di glutine impazza anche tra le star, coinvolgendo noi come Gwyneth Paltrow e Oprah Winfrey e l’Italiana Noemi.
Come dimagrire con una dieta senza glutine. La dieta gluten free è irrinunciabile per i celiaci. Ma può essere davvero una dieta consigliabile anche a chi desidera perdere peso?
Il glutine è una proteina dal potere molto saziante presente in numerosi cereali, dal frumento all’orzo, dal farro alla segale. In Italia, secondo le recenti stime divulgate in occasione dell’annuale “settimana della celiachia”, le persone che hanno escluso questi alimenti dalla propria dieta sono circa l’11%. E di queste, il 10% senza alcuna necessità medica, ma con l’idea che “senza glutine” significhi più sano e, soprattutto, più leggero.

Via il gonfiore con la dieta senza glutine 
In parte è vero, perché privi di glutine sono le verdure, la frutta, il pesce, lo yogurt, le uova, i legumi, tutti alimenti presenti nei regimi dimagranti.
I prodotti industriali che invece sono realizzati con farine deprivate dal glutine – pasta, biscotti, pizza, snack – sono spesso addizionati con amidi e oli vegetali che ne potenziano il valore calorico. Quindi, occhio alle etichette.
Inoltre, le paste alternative, come per esempio quella di mais, cereale naturalmente gluten free, hanno un indice glicemico più elevato rispetto a quelle di farina di frumento.
Insomma, senza glutine non significa per forza dimagrante, anche se è possibile, per coloro che dopo un piatto di spaghetti o una pizza si sentono appesantiti e gonfi, che scegliere ogni tanto farine gluten free risolva il disturbo.

La dieta senza glutine di Noemi
La dieta di Noemi, arrivata terza alle 71° edizione di Sanremo 2012, è stata probabilmente notata da tutti. La cantante è salita sul palco dell’Ariston in perfetta forma. Il suo segreto? Una dieta ipocalorica senza glutine, che le ha permesso di perdere fino a 4 chili in pochissimi mesi.
La dieta ipocalorica di Noemi si è mescolata a quella senza glutine: tuttavia non è ancora chiaro se la dieta dimagrante senza glutine per chi non è affetto da celiachia faccia realmente dimagrire oppure permetta di ingrassare. Tralasciando la questione del gluten-free, concentriamoci su come va effettuata una dieta ipocalorica: si tratta di una dieta che accosta gli alimenti in modo da mantenere un equilibrio nutrizionale, ma con un basso apporto di calorie. La dieta prevede sei giorni di regime ipocalorico e uno, di solito la domenica, libero.
Dieta senza glutine per perdere 5 kg
Ecco quale può essere una dieta tipo a basso apporto calorico per una settimana (circa 1200 calorie al giorno).

Esempio del Menu settimanale della dieta senza glutine:
- Il lunedì, a pranzo si possono consumare 120 grammi di carpaccio e rucola, condita con un cucchiaio di olio, 200 grammi di melanzane alla piastra e 30 grammi di pane. A cena, invece, si può mangiare pasta (60 grammi) condita con pomodoro e basilico, 200 grammi di fagiolini lessi e 30 grammi di pane integrale.
- Il martedì a pranzo, 50 grammi di riso conditi con i funghi (100 grammi): da accompagnare a 150 grammi di insalata mista e a 30 grammi di pane. A cena, pesce spada ai ferri (150 grammi) e verdure cotte alla griglia, condite con un cucchiaino d´olio, aglio e prezzemolo.
- Il mercoledì, a pranzo, è tempo di un´insalata composta di lattuga, uova sode, patate lesse, pomodori e due cucchiaini d’olio, da mangiare con 30 grammi di pane integrale. A cena, 150 grammi di petto di pollo alla piastra e 200 grammi di spinaci.
- Il giovedì, a pranzo si possono consumare 80 grammi di prosciutto crudo privato del grasso, assieme al cavolo crudo (200 grammi), condito con due cucchiaini d’olio. Per finire, i soliti 30 grammi di pane integrale. A cena, invece, ritorna l’insalata, ma stavolta di fagioli, che deve essere accompagnata a pesce al vapore (150 grammi).
- Il venerdì ci si può gustare un ottimo piatto di spaghetti (50 grammi) con le cozze (100 grammi). Non può mancare la verdura: 150 grammi di carote tagliate alla julienne e condite con un cucchiaino d´olio. A cena, sempre pesce: un’insalata di polpo da 200 grammi, patate lesse e un cucchiaino d’olio.
- Il sabato, a pranzo, 70 grammi di bresaola condite con rucola e scaglie di parmigiano, verdure grigliate da mangiare con 30 grammi di pane integrale. A cena, invece, 50 grammi di riso con zucchine e 100 grammi di formaggio magro in fiocchi.
La domenica è il giorno in cui si può seguire una dieta libera.

Prima di intraprendere una dieta va comunque consultato il medico, per evitare i rischi legati a carenze nutrizionali. 


© Riproduzione riservata