Benessere Dieta contro l'obesità

Obesità, la dieta per perdere 50 e più chili

La dieta per l'obesità è un regime alimentare finalizzato alla riduzione del grasso corporeo in eccesso, quale causa (diretta e indiretta) dell'insorgenza di malattie gravi,

https://immagini.ragusanews.com//immagini_articoli/10-09-2021/dieta-contro-l-obesita-come-perdere-50-e-piu-chili-500.jpg Dieta contro l’obesità, come perdere 50 e più chili

È possibile perdere 50 chili , così tanto peso, senza l’utilizzo di farmaci?
State cercando una dieta contro l’obesità? Esiste un programma per il dimagrimento che consente di perdere anche oltre i 50 chilogrammi di peso. Naturalmente non si tratta di una soluzione fai-da-te, per sua stessa natura: è necessario affidarsi ad un centro di specialisti, facendosi seguire da medici deputati ad intraprendere questa dieta per il dimagrimento. Il tutto avverrà senza l’utilizzo di farmaci. In sostanza tale trattamento potrebbe definirsi una sorta di rieducazione delle naturali capacità metaboliche e assimilative del nostro corpo. Una dieta chetogenica ipocalorica è efficace nel favorire la perdita di peso nelle persone obese. A patto però di seguire le indicazioni degli specialisti

Cos'è e a Cosa Serve la dieta per l’obesità
La dieta per l'obesità è un regime alimentare finalizzato alla riduzione del grasso corporeo in eccesso, quale causa (diretta e indiretta) dell'insorgenza di malattie gravi, e della riduzione della qualità e dell'aspettativa di vita stessa. Dieta e obesità. Un soggetto viene definito obeso quando il suo BMI (indice di massa corporea) raggiunge o supera i 30 punti; per esempio, considerando un individuo alto 175 cm, la soglia dell'obesità si colloca intorno ai 92 kg.
Stile di vita e obesità- Dieta contro l’obesità, come perdere 50 e più chili
Ciò che in apparenza appare assai semplice a farsi, nella pratica richiede una grande dose di determinazione ed una capacità di cambiare radicalmente le abitudini di vita. La prima regola per ridurre con successo il proprio peso consiste nell’apportare cambiamenti lenti e costanti al proprio stile di vita. Ciò richiede tempo, perseveranza ed una formidabile riorganizzazione delle abitudini e degli orari: in una parola, cambiare modo di vivere!
Una dieta contro l’obesità: come perdere 50 chili
Perdere 50 kg con la dieta non è un gioco da ragazzi, questo va subito messo in evidenza. Tuttavia non è nemmeno un’impresa irraggiungibile. E può verificarsi senza nessuna forzatura per l’organismo. Il dimagrimento avverrà grazie all’attenuazione del senso di fame. E allo stesso tempo saranno anche ridotti ai minimi termini i rischi di effetti collaterali. Ossia la “pelle cadente” o altre problematiche fisiche. Fondamentale farsi seguire da professionisti, perché una volta perso il peso sarà necessario mantenere la nuova forma corporea. E’ utile aver ben chiaro che fare la dieta, soprattutto quando si parla di programmi di dimagrimento così impegnativi, non è un gioco. In ballo infatti c’è la salute del soggetto, motivo in più per cui non è intelligente affidarsi a soluzioni elaborate personalmente e artigianali.
Come si cura l’obesità: la dieta dimagrante
La dieta dimagrante deve essere sempre personalizzata e va elaborata da un nutrizionista esperto. Per prima cosa va calcolato il fabbisogno calorico del soggetto, cioè quante sono le calorie di cui necessita quel particolare soggetto obeso. Rispetto al fabbisogno calorico stimato, io sottraggo fra le 500 e le 1.300 calorie al giorno, in relazione alle caratteristiche del soggetto obeso. Se stabilisco che la dieta dimagrante di quel paziente deve contenere al massimo 1.500 calorie al giorno, dovrò stabilire anche il numero di pasti nell’arco della giornata, quante calorie dovrà contenere ciascun pasto e quali alimenti dovrò utilizzare.
Inoltre prima di impostare la dieta si deve tener conto che non vi siano particolari condizioni patologiche in atto (es. diabete, fegato grasso, ipertensione, malattie renali, etc) che richiedono speciali accorgimenti dietetici. Per esempio la dieta in presenza di fegato grasso (steatosi epatica) che io adotto nel mio studio è più ricca di proteine rispetto alla comune dieta dimagrante perché, a parità di calorie, sembra funzionare meglio.

La dieta Chetogenica per combattere l’obesità
Pochissimi carboidrati. Più proteine e (soprattutto) grassi. È questo, in estrema sintesi, il profilo della dieta chetogenica. Negli anni l’interesse nei suoi confronti è cresciuto, soprattutto in ragione della capacità di favorire una perdita di peso in tempi brevi. Ma quello che è finora rimasto poco chiaro è un altro aspetto. Può, la dieta chetogenica, rappresentare una soluzione anche per un trattamento dell’obesità basato sulla correzione delle abitudini alimentari e dello stile di vita? Sì, a patto però di seguire le indicazioni provenienti dalla comunità scientifica ed evitare il «fai-da-te».

L’obesità, un problema a livello mondiale
Ricordiamo che l’obesità è uno dei principali problemi di salute pubblica a livello mondiale. Purtroppo la sua prevalenza è in costante e preoccupante aumento, non solo nei Paesi occidentali ma anche in quelli a basso-medio reddito. E inoltre si tratta di un importante fattore di rischio per varie malattie croniche. L’obesità è la risultante dell’interazione tra componenti comportamentali, sociali e metaboliche, alcune geneticamente determinate, altre riconducibili a fattori ambientali. Molti aspetti dell’ambiente in cui oggi viviamo e lavoriamo incoraggiano abitudini alimentari scorrette e una ridotta attività fisica, che aumentano il rischio di obesità.
 


© Riproduzione riservata