Benessere Carboidrati

Dieta: pasta e pane non fanno ingrassare

Pane, pasta e metabolismo

Pane e pasta fanno ingrassare? Se consumati in eccesso sì, è ovvio, ma eliminare del tutto i carboidrati dalla propria dieta non è sempre una buona idea. Anche la convinzione che consumare i carboidrati la sera faccia ingrassare è un falso mito. Lo conferma uno studio dell’Istituto Superiore di sanità che ha dimostrato come il corretto consumo di carboidrati non influenza la dieta, anzi può contribuire alla perdita di peso. Piuttosto la quantità e soprattutto il momento in cui si consumano sono determinanti perché influenzano le variazioni ormonali.

Carboidrati: la sera non fanno male
La convinzione comune si basa sul fatto che i carboidrati a cena si trasformino durante il riposo notturno in depositi di grasso. In verità stare a letto non è diverso da stare seduti alla scrivania perché c’è comunque un minimo dispendio energetico anche quando si dorme. Quello che fa ingrassare è invece l’eccesso di calorie introdotte, quindi il fatto di esagerare con i carboidrati e non di consumarli la sera a cena. Al contrario, assumere carboidrati la sera permette il rilascio di serotonina, l’ormone del benessere, che aiuta a combattere l’insonnia e quindi a prendere sonno facilmente.

La quantità di carboidrati che si possono assumere quotidianamente dipendono dalle proprie esigenze metaboliche. In generale si può dire che i carboidrati dovrebbero essere circa il 50% delle calorie introdotte durante la giornata, nei cinque pasti. Per sapere quanti carboidrati esattamente si introducono durante la giornata si può utilizzare un calcolatore app di calorie.
Gli alimenti che contengono la maggior quantità di carboidrati sono pane, pasta e riso. Consumarli nelle giuste quantità permette di seguire una dieta equilibrata che può essere efficace anche per la perdita di peso se unita a uno stile di vita sano, ritmi di vita non frenetici e normale attività fisica.