Benessere Cibo e fertilità

Dieta: gli alimenti per la fertilità maschile

Esiste una dieta per fare figli?

L'infertilità, sia maschile che femminile, è un fenomeno in aumento in questi ultimi anni. Sono sempre più le coppie che si rivolgono a centri specializzati nella speranza di avere un figlio. In questi ultimi 50 anni si è assistito anche a un cambiamento del paradigma culturale. Fino a mezzo secolo fa, era la donna che veniva considerata quale unica responsabile in caso di problemi di fertilità della coppia. In realtà, in circa la metà dei casi relativi alle 48mila coppie infertili, il problema deriva dall'uomo. Per quanto riguarda l'infertilità maschile in particolare alcuni esami specifici possono evidenziare una riduzione del 30-40% degli spermatozoi e del 50% della mobilità. Ad incidere su questo problema concorrono vari fattori, tra cui sostanze tossiche, radiazioni e microtraumi, ma anche una alimentazione non corretta può favorirla. Pertanto il fumo, l'obesità, lo stress, e l'alcol, fattori relativi al proprio stile di vita, possono concorrere nella comparsa di questo problema. In questo senso gli specialisti in andrologia sottolineano che bisogna intervenire anche a tavola per affrontare il problema dell'infertilità maschile.

Infertilità maschile: gli alimenti che la combattono
Una dieta sana ed equilibrata può venirci in aiuto. Di seguito alcuni alimenti che possono promuovere la fertilità maschile. In linea generale è importante il consumo di frutta e verdura, alimenti ricchi di antiossidanti. Queste sostanze sono utili perché contrastano i radicali liberi che possono provocare dei danni al Dna degli spermatozoi. Gli alimenti che invece contengono zinco aumentano la produzione di testosterone, l'ormone maschile per eccellenza e la velocità degli spermatozoi. Gli alimenti che contengono omega-3, ad esempio il pesce, hanno un effetto migliorativo sulla qualità del seme.
1) A colazione una spremuta di arancia e pompelmo per fare il pieno di antiossidanti.
2) Verdure a foglia larga: lattuga, rucola, radicchio, bietole, contengono vitamina E C e D e folati. Broccoli, spinaci, legumi e cavoli invece incrementano la produzione degli spermatozoii.
3) Pomodori. Contengono il licopene, un antiossidante molto potente che migliora la velocità degli spermatozoi.
4) Pesce, molluschi, frutta secca, noci in particolare, rappresentano una importante fonte di acidi grassi essenziali omega-3.
5) Caffè. Questa bevanda è utile in via indiretta in quanto diminuisce il rischio di disfunzione erettile. In particolare, a detta degli esperti, berne fino a tre tazze al giorno potrebbe diminuire fino a un terzo il rischio di andare incontro a questo tipo di problema.
6) E' da preferire il latte intero rispetto a quello scremato e ai suoi derivati, ad esempio yogurt e gelati, in quanto è ricco di calcio e vitamina D.
Da evitare invece un consumo eccessivo di carne rossa. Stesso discorso per i cibi fritti, i grassi saturi che si trovano soprattutto nei grassi di origine animale ad esempio burro, margarina e strutto e le merendine e le bevande zuccherate. Come condimento, l'olio extra vergine di oliva è da preferirsi rispetto agli altri.


┬ę Riproduzione riservata