Benessere Metabolismo

Dimagrire con la dieta delle tre ore: ecco come fare

Attivare il metabolismo mangiando spesso

Si tratta di una dieta che arriva dall'America. Ad elaborarla è stato Jorge Cruise giornalista ed esperto di fitness. Il programma di dimagrimento è molto semplice da seguire perché prevede una sola regola fondamentale: mangiare ogni tre ore come un bebè. La dieta dimagrante delle tre ore si basa su uno schema orario in base al quale bisogna alimentarsi ogni tre ore al fine di mantenere sempre attivo il metabolismo. Se passa molto tempo tra un pasto e l'altro il nostro organismo attiva un meccanismo di sopravvivenza, ovvero nell'eventualità che il cibo scarseggi risparmia le energie. Risparmiare le energie significa che il metabolismo rallenta e quindi l'organismo smette di bruciare i grassi . Di conseguenza si formano i cuscinetti adiposi da utilizzare in caso di bisogno. Fondamentalmente quindi mangiare intervallando poche ore tra un pasto e l'altro, ci aiuta a mantenere attivo il metabolismo.

Dieta delle tre ore: caratteristiche
La dieta delle tre ore si articola in due pasti più tre spuntini. Con questo programma alimentare è possibile perdere fino a un chilo e mezzo a settimana. Come detto, bisogna mangiare ogni tre ore. Ad esempio la colazione dovrebbe essere fatta alle 7, il primo spuntino alle 10 del mattino, a mezzogiorno il pranzo e verso le 15 invece c'è lo spuntino pomeridiano che non deve andare oltre le 100 calorie. Alle 18 può farsi un secondo spuntino, anche in questo caso non bisogna superare le 100 calorie. La cena invece si prevede per le 21. Dopo cena possiamo concederci un dessert purché non superi le 50 calorie. Da questo momento prima di andare a dormire devono passare almeno 3 ore e in ogni caso non si può mangiare più niente. Prima di andare a letto al limite potete concedervi una tisana depurativa che vi concili il sonno ma non altro.

Dieta delle tre ore: menù di una giornata tipo
Tenete d'occhio la sveglia per rispettare la distanza delle tre ore tra un pasto e l'altro.
Colazione: una tazza di latte scremato con cereali integrali e frutta oppure del tè verde con 2 fette biscottate integrali con miele.
Spuntino tre ore dopo: frutta a scelta oppure uno yogurt magro bianco.
Pranzo, sempre tre ore dopo: spaghetti integrali con pomodorini e basilico , verdure grigliate o insalata mista.
Spuntino nel pomeriggio: Tre ore dopo: yogurt magro o frutta secca.
Cena, sempre tre ore dopo: pollo alla piastra o alla griglia oppure pesce al cartoccio, o pollo arrosto e verdura al vapore.

Tre ore dopo: cioccolatino fondente oppure una tisana.
Per quanto riguarda le porzioni invece vanno rispettate queste regole:

Una porzione di carboidrati deve essere della misura del cubo di Rubik.

Una porzione di proteine deve essere più grande di un mazzo di carte.
Mentre il condimento dovrebbe idealmente equivalere al contenuto di un tappo di bottiglia.

Con questo programma alimentare il dimagrimento sarà graduale perché andrà ad eliminare la parte grassa dei muscoli senza intaccare quella magra. Alla dieta va associata la pratica di un'attività sportiva. Secondo il suo ideatore basterebbero anche solo 8 minuti al giorno. In conclusione può definirsi una dieta dimagrante equilibrata ed efficace per perdere peso. Tra i lati positivi va sottolineato che si tratta di una dieta che ci aiuta a gestire l’appetito perché ci permette di controllare i pasti. E' utile soprattutto per coloro che tendono a saltare i pasti. Inoltre è un regime dietetico facile da seguire ed è possibile scegliere gli alimenti della stessa. In ogni caso prima di provarla parlatene sempre al vostro medico.


© Riproduzione riservata