Benessere Detox

Dieta della luna, dimagrire con le fasi lunari: ecco come fare

La dieta consiste nel seguire le fasi lunari

Dieta della luna, dimagrire con le fasi lunari: ecco come fare

La luna è sempre stata fonte di ispirazione e di suggestione per i poeti. Basti pensare a uno dei versi di Giacomo Leopardi nel Canto notturno di un pastore errante dell'Asia: "Che fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai, Silenziosa luna". Ma questo corpo celeste, oltre a suggestionare l'animo sensibile dei poeti, ha da sempre una influenza sulla terra per effetto della forza gravitazionale. In questo senso è noto che la luna ad esempio esercita la sua attrazione sulle maree. La luna viene in ballo anche in fatto di dieta. Esiste infatti un regime dietetico noto come Lunar diet o moon diet che si basa per l'appunto sul ciclo di questo corpo celeste. La dieta consiste nel seguire le fasi lunari. Ad ogni fase corrispondono precise indicazioni dietetiche. In base alle varie fasi della luna si effettua un digiuno di 24 ore. il primo si effettua alla luna nuova, poi alla luna al primo quarto, alla luna piena e alla luna all'ultimo quarto. In alcuni giorni ci si alimenta quindi solo con dei liquidi.

L'obiettivo è di depurare l'organismo dalle tossine permettendo al fegato di potersi rigenerare. L'assunto parte dalla considerazione che il nostro organismo è costituito per circa il 70% di acqua. Pertanto come la luna è in grado di esercitare la sua influenza sul mare, allo stesso modo anche il corpo umano costituito prevalentemente da acqua, subirebbe l'influenza delle fasi lunari. La forza gravitazionale della luna sarebbe d'aiuto per drenare i liquidi e favorirebbe anche il metabolismo. Pertanto più che come una dieta vera e propria, la moon diet può intendersi come una abitudine che si può associare a un regime dietetico sano per favorire la depurazione dell'organismo, in particolare di fegato e reni che sono gli organi preposti a questo compito. Per conoscere con esattezza il momento in cui avviene il cambio lunare è possibile consultare i calendari oppure fare una ricerca su internet.

Dieta della luna: come funziona
Nel momento in cui inizia la nuova fase lunare andranno utilizzate le successive 24 ore per cominciare un regime detox basato soprattutto sui su una alimentazione liquida. Pertanto nelle 24 ore che precedono il cambio lunare bisognerà dare avvio a una alimentazione leggera basata soprattutto sui centrifugati e sugli alimenti di facile assimilazione. Nelle 24 ore successive si proseguirà con una dieta a base di liquidi, quindi ad esempio potete preparare un infuso con acqua e erbe benefiche. Assolutamente vietato invece lo zucchero che ci fornisce energia a livello immediato, ma l'effetto dura poco. Per favorire la depurazione di fegato e reni dobbiamo quindi basarci su un menù leggero, ad esempio preparare una tisana calda da bere nel corso della giornata, bere molta acqua per mantenere idratato l'organismo, succhi di frutta naturali e realizzare piatti a base di creme di verdura. Sarebbe preferibile iniziare la dieta nel weekend perché se dopo una giornata in cui ci siamo alimentati esclusivamente di liquidi ci attende una giornata impegnativa da un punto di vista lavorativo, questa alimentazione non è idonea.

Dieta della luna: schema
Le 24 ore di digiuno devono avvenire durante la fase di luna piena. Si tratta di una fase di disintossicazione e di dimagrimento nel corso della quale è possibile assumere soltanto acqua (almeno tre litri al giorno) e succhi di frutta ovviamente senza zucchero. Per aumentare l'efficacia del digiuno lunare si possono assumere tisane depurative al finocchio, tarassaco, te verde o al carciofo. In questa fase si possono perdere fino a 6 chili. Se si prende l'abitudine di digiunare, anche solo una volta al mese, per 24 ore durante la fase lunare nuova, possiamo perdere con più facilità i chili di troppo. Nella fase di luna calante la luce inizia a diminuire progressivamente. In questa fase invece bisogna seguire un regime dietetico ipocalorico basato soprattutto sul bere molto (circa 8 bicchieri di acqua al giorno) e una dieta a base di cibi solidi. L'appetito tende a diminuire per cui risulta più facile perdere peso. Con la luna in fase crescente invece aumenta l'appetito che poi raggiunge il picco con la luna piena. In questa fase bisogna fare appello alla nostra capacità di moderarci. In particolare bisogna riuscire a smettere di mangiare non appena si raggiunge una sensazione di sazietà. Dopo le 6 del pomeriggio andranno evitati i grassi e i dolci. Bisognerà aspettare fino al mattino successivo per mangiare di nuovo. Un piccolo segreto consiste nel bere molto tra le 15 e le 17, in questo modo riuscirete meglio a fugare gli attacchi di fame nelle ore serali prima di andare a dormire. Yogurt, macedonie di frutta, cioccolato fondente in modiche quantità possono rappresentare una alternativa valida. Con la luna nuova bisogna bere solo infusi e bevande disintossicanti, ad esempio tè verde. Anche nel corso delle 24 ore di durata di questa fase è consigliabile evitare il consumo di alimenti solidi.
Gli esperti sottolineano che una dieta a base di liquidi non andrebbe seguita per più di una volta al mese, in quanto la mancanza di carboidrati e proteine potrebbe ripercuotersi negativamente sulla salute in generale. Inoltre va sottolineato che con la dieta della luna si perde solo acqua e non grasso,per cui si ha come effetto che la pancia si sgonfia e l'organismo si depura.
Prima di intraprendere la dieta della luna dovete ottenere il beneplacito da parte del vostro medico. Non tutti infatti possono seguirla, in particolare non può chi soffre di pressione bassa o di diabete o di altri disturbi ancora.


© Riproduzione riservata