Benessere Buone prassi

La spesa ai tempi del coronavirus: ecco come farla

I consigli dell’Istituto Superiore di Sanità

La spesa ai tempi del coronavirus: ecco come farla

L'emergenza coronavirus ci impone di rivedere le nostre abitudini. E' il nostro senso di responsabilità ad essere chiamato in causa. In particolare le misure adottate dal governo per arginare la diffusione del Covid-19 impattano in maniera significativa sulla nostra vita quotidiana. Pertanto anche fare la spesa richiede il rispetto di cautele da osservare, in particolare è doveroso attenerci alle indicazioni del governo e dell'Istituto Superiore di Sanità. Con i nostri comportamenti responsabili possiamo quindi tutelare la salute di tutti, che è per l'appunto un bene comune. In ogni caso la spesa nei supermercati continuerà ad essere garantita, sebbene con alcune restrizioni sia di orario che di affluenza. E' importante quindi organizzarsi per evitare di andare a fare la spesa ogni giorno.

Come fare la spesa al tempo del coronavirus
Utilizzare guanti usa e getta.
Mantenere la distanza di almeno un metro e mezzo dagli altri avventori e da chi ci lavora, cassieri, scaffalisti etc.
Una volta a casa lavare accuratamente frutta e verdura fresca. Stando a quanto si può leggere sul sito dell'Istituto superiore di sanità, il coronavirus può vivere sulle superfici delle confezioni dei prodotti anche per decine di ore, ma è anche facile da eliminare utilizzando un disinfettante a base di cloro o di alcol.

Cosa fare a casa prima della spesa
Controllare prima di tutto gli alimenti che si hanno in frigo, in modo da avere ben chiaro cosa ci occorre per evitare di comprare prodotti che non ci servono.
Preparare una lista della spesa divisa per categorie di alimenti in base a quelli di cui abbiamo necessità: carne, frutta, verdura, pasta, pesce, in modo da diminuire il tempo di permanenza all'interno dello stesso supermercato.
Scegliere un orario in cui c'è una minore presenza di persone per evitare l'affollamento.
Non dimenticarsi di portarsi il disinfettante per le mani, guanti e mascherina. Le mani vanno disinfettate prima di arrivare al supermercato, quindi possiamo mettere la mascherina e poi indossare i guanti. Se abbiamo la mascherina non va tolta anche quando siamo alla cassa e parliamo con la cassiera.
La distanza di un metro e mezzo di sicurezza va osservata non solo all'esterno, ma anche all'interno del supermercato, in particolare agli scaffali e quando siamo in fila alla cassa.
Non mettiamo gli alimenti acquistati nelle buste dentro il supermercato, ma direttamente nel carrello. Una volta che torniamo nel parcheggio all'aperto possiamo mettere la spesa nei sacchetti, possibilmente nel portabagagli non sui sedili.
Solo una volta che siamo entrati in auto o siamo usciti dal supermercato possiamo sfilarci i guanti, disinfettare le mani e solo dopo queste operazioni togliere la mascherina con le mani pulite.

Supermercato: cosa comprare
Ovviamente dobbiamo acquistare alimenti essenziali.
Avremo cura quindi di preparare da casa la classica lista della spesa, in modo da avere le idee chiare una volta al supermercato.
Latte: è opportuno prendere quello a lunga conservazione, in modo da poter disporre di una piccola scorta che ci può tornare utile.
Pane: comprate anche cracker, pancarrè, grissini che durano di più e possono rivelarsi dei buoni sostituti.
Verdure: preferite quelle utili ad esempio per preparare un minestrone fatto in casa, quindi spinaci, insalata, cipolle, carote, sedano e patate. Quelle di stagione potete comprarle anche anche già imbustate (cicoria, spinaci, insalata). Se optate per le verdure fresche potete cuocerle in casa, vi basteranno pochi minuti. Raffreddatele in acqua e sale, scolatele e poi congelatele in modo da avere una singola porzione.
Frutta: privilegiate la frutta contenente vitamina C, quindi agrumi pere, mele e limoni. I limoni possono sia usarsi come spremuta, che come condimento sopra la carne, il pesce o alcune verdure.

Nella credenza cosa mettere?
Alcuni alimenti non devono mai mancare perché ci consentono con poco di realizzare ottimi piatti.
Pomodori pelati, riso, i legumi, cereali, farina, sale iodato, zucchero.
Pasta italiana e se possibile con grani integrali. Da cucinare al dente perché abbassa l'indice glicemico.
Erbe aromatiche fresche possono sempre tornarci utili per aggiungere un tocco di sapore alle nostre ricette. Al supermercato potete anche trovare le piantine di basilico, in questo modo potrete disporre di erbe aromatiche fresche.
Lievito di birra che deve essere fresco se vogliamo fare il pane in casa, mentre va bene quello in bustine per i dolci. Il lievito di birra ci offre un ampio ventaglio di possibilità: ad esempio possiamo preparare la pasta per la pizza, o torte e dolci per la colazione o come spuntino. Per la colazione comprate biscotti e fette biscottate da accompagnare con la marmellata. Per i condimenti l'olio extra vergine di oliva. Per essere certi della bontà del vostro acquisto controllate che l'etichetta riporti 100% italiano.
Vino italiano. Possiamo concederci un buon bicchiere di vino. Non è strettamente necessario, ma perché rinunciarvi?
Formaggi: parmigiano reggiano, caciotta che si conservano a lungo.
Carne porzionata, così da metterla in freezer. In particolare utilizzate il macinato, che si presta per molti usi in cucina, hamburger, sughi e polpette.
Pesce azzurro in scatola, tonno o sgombro e delle porzioni di pesce fresco per poterlo congelare, ad esempio fette di salmone o pesce spada, oppure pesci sfilettati.
Una volta a casa lavate accuratamente frutta e verdura fresca. Stando a quanto si può leggere sul sito dell'Istituto superiore di sanità, il coronavirus può vivere sulle confezioni dei prodotti anche per decine di ore, per cui una volta a casa si consiglia di disinfettarle con disinfettanti a base di cloro o di alcol.
Organizzare la spesa con questi accorgimenti ci permette di rimanere in casa per molti giorni senza che ci manchi nulla e al contempo di tutelare la nostra salute.


© Riproduzione riservata