Benessere Dieta ipocalorica e low carb

La dieta del dottor Nowzaradan: il menù settimanale

Volto televisivo di grande fama, il Dottor Younan Nowzaradan è ideatore di una dieta che permette di perdere molto peso

La dieta del dottor Nowzaradan: quanti chili si perdono

La dieta del dottor Nowzaradan prevede un introito calorico di 1200 calorie al giorno. Alcuni pazienti sono riusciti a perdere fino a 12 chili. La dieta prende il nome dal medico di origini iraniane che l'ha messa a punto, volto del programma televisivo Vite al limite. Ci pare opportuno fare una premessa doverosa. La dieta del dottor Nowzaradan si rivolge a un target molto preciso di pazienti, ovvero si tratta di soggetti che soffrono di grave obesità e che presentano circa 20 chili in più rispetto al peso forma. Si tratta quindi di una dieta studiata per i pazienti che presentano una obesità cronica. In particolare quindi il dottor Nowzaradan può definirsi un esperto nel trattamento dell'obesità. Va specificato quindi che non si tratta di una dieta adatta a chi si trova solo in sovrappeso e quindi ha da perdere solo qualche chilo di troppo. Inoltre questo regime dietetico estremamente restrittivo non può essere portato avanti per più di due mesi. Pertanto prima di iniziarla è importante contattare il proprio medico o un esperto in questo campo, quale un dietologo, per sapere se con questa dieta possiamo andare incontro a danni per l'organismo.

Dieta del dottor Nowzaradan: caratteristiche
Il suo regime alimentare può definirsi una low carb ovvero una dieta povera di carboidrati e ad alto contenuto proteico. Il regime dietetico ideato dal dottor Nowzaradan prevede un apporto calorico che va da 800 a 1200 calorie al giorno. Questa dieta comprende le verdure non amidacee, ad esempio insalata, cavolfiori, sedano finocchi, peperoni, asparagi, germogli di soia, funghi, melanzane e broccoli, mentre esclude tassativamente quelle che contengono i carboidrati quali carote o la zucca. La perdita di peso si deve alla netta riduzione dei carboidrati oltre che ad alcuni tipi di zuccheri. Il regime alimentare si articola in due fasi: una ad impatto forte che prevede di perdere peso in maniera intensiva e una seconda fase della dieta che invece possiamo definire conservativa.
Una delle regole fondamentali di questo regime dietetico è di fare più pasti nell'arco della giornata ma non molto frequenti. La carne invece è ammessa ma non deve superare la misura di più di 140 grammi al giorno, in ogni caso vanno preferite quelle dal taglio magro e si deve optare per una cottura semplice no quindi alla frittura. Il pesce rientra in questo tipo di dieta ma sono vietati sardine e salmone per il loro maggiore apporto di carboidrati. Riguardo ai condimenti è ammesso l'olio di oliva. Inoltre sale zucchero o spezie non devono superare 1 0 2 grammi per pasto. Mentre per i contorni sono ammesse le verdure cotte o crude, da preferire in particolare carciofi, cavoli di Bruxelles, fagioli, asparagi, melanzane. Inoltre è importante bere almeno 1,5 2 litri al giorno. Da escludere del tutto le bevande zuccherate.

Dieta Nowzaradan: menù settimanale
Colazione: yogurt magro oppure fiocchi di latte, caffè o tè senza zucchero, latte scremato o di soia (circa 200 ml).
Spuntino: potete scegliere tra cetrioli, un uovo o 50 grammi di bresaola.
Pranzo: 100 grammi di pesce o carne magri quindi spigola o sogliola (da escludere invece le sardine e il salmone) e pollo o tacchino o vitello magro. Concludete il pasto con un frutto. Chi è vegano o vegetariano può optare per 75 grammi di tofu alla piastra per sostituire la carne. Per il contorno scegliete verdure non amidacee, (broccoli, zucchine, cavolfiore, radicchio) condite con poco olio di oliva o solo del limone.
Cena: bresaola (75 grammi) oppure, in alternativa una omelette preparata con 150 grammi di albumi d’uovo. Come contorno optate dei fagioli lessi scolati (50 grammi).
La dieta Nowzaradan può utilmente integrarsi con una tisana al giorno senza zucchero o una tazza di brodo vegetale, carne senza olio e latte senza zucchero che potrete sostituire con stevia o cannella.


© Riproduzione riservata