Cronaca La strage

I 9 morti della palazzina di Ravanusa e Samuele, la decima vittima

Nel bilancio finale della tragedia anche due donne ferite e il bimbo di Selene, che sarebbe nato in questi giorni

https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/14-12-2021/trovato-il-corpo-di-giuseppe-carmina-9-morti-e-samuele-la-decima-vittima-500.jpg Nel bilancio finale della tragedia anche due donne ferite e il bimbo di Selene, che sarebbe nato in questi giorni

 Ravanusa, Ag – Il corpo di Giuseppe Carmina, figlio di Calogero, recuperato poco dopo il padre, mette fine alla conta dei cadaveri tirati fuori dalle macerie della palazzina di 4 piani di Ravanusa, esplosa quattro sere fa per una probabile fuga di gas, su cui farà luce ora l’inchiesta dei pm agrigentini. Nell’ara si continua a scavare: non più alla ricerca di corpi, ma di verità. Dalle vite spezzate adesso si passerà a cercare, nello stesso luogo, le cause della tragedia che ha funestato il Natale della cittadina.

La madre di Giuseppe, Liliana Minacori, era stata tra le prime vittime ad essere estratte dai detriti in cui hanno trovato la morte in tutto 9 persone. Le altre sono Giuseppe Carmina e la moglie Selene Pagliarello, incinta di Samuele (insieme nella foto): un bimbo che avrebbe partorito a giorni e che è la decima vittima non scritta della tragedia. Erano andati a trovare i genitori del marito, Angelo Carmina e Enza Zagarrio, che abitavano al terzo piano: li hanno trovati seduti ancora sul divano.

Nel crollo ha perso la vita una quarta coppia: Pietro Carmina, il professore in pensione di storia e filosofia dell'istituto Foscolo di Canicattì, scampato al Covid e deceduto insieme alla coniuge Carmela Scibetta, assistente sociale. Due anche le donne rimaste gravemente ferite nella deflagrazione: Rosa Carmina e la cognata Giuseppina Montana, ricoverate con traumi e fratture negli ospedali di Licata e Agrigento ma fuori pericolo di vita.


© Riproduzione riservata