Benessere Due diete in una

Dieta Pegan per dimagrire velocemente

Il nome è proprio l’incrocio delle parole paleo e vegan

Dieta Pegan per dimagrire velocemente

Se mettete insieme la dieta Paleo e quella vegana ottiene un nuovo regime alimentare che riporta i benefici di entrambe: la dieta Pegan. Il nome è proprio l’incrocio delle parole paleo e vegan e sta a indicare l’intenzione di mettere insieme sia i dettami di entrambe le diete sia le indicazioni alimentari. Scopo: dimagrire velocemente per perdere fino a 3 chili a settimana. La dieta vegana, com’è noto elimina dal piatto tutte le proteine di provenienza animale mentre la dieta paleo si basa proprio su un alto consumo di proteine animali visto che si ispira a un regime preistorico quando la coltivazione non era ancora praticata. Apparentemente quindi i due regimi sono opposti. Come è possibile metterli insieme e ricavarne benefici congiunti? Com’è possibile cioè conciliare cibo vegano con proteine animali? Vediamolo nel dettaglio

Come funziona la dieta Pegan
L’idea alla base di questa dieta è la totale eliminazione di tutti i cibi che derivano dall’industria alimentare, quindi cibi lavorati e trasformati. In questo modo vengono eliminati a priori zuccheri e amidi e viene dato spazio invece ai vegetali soprattutto e ai grassi buoni. I carboidrati sono in misura minore, quasi trascurabile, e questo è il principale aspetto che fa di questa dieta una dieta ipocalorica con effetti immediati sul dimagrimento. Riducendo al minimo il consumo di carboidrati e zuccheri, inoltre, è possibile controllare la glicemia, ridurre il rischio di diabete e l’insorgenza di malattie cardiovascolari.

Inoltre, gli alimenti trasformati dall’industria alimentare banditi dalla dieta Pegan, a fronte dei pochi nutrienti che apportano all’organismo, forniscono grassi in abbondanza e alte percentuali di zuccheri, oltre a una serie di prodotti artificiali come i conservanti, gli esaltatori di sapidità e i coloranti che creano dipendenza e aggiungono massa grassa.
Una raccomandazione di base della dieta Pegan è consumare solo prodotti locali e di provenienza biologica per evitare del tutto o quanto più possibile le sostanze chimiche i cui residui restano negli alimenti, compresi additivi e pesticidi.

Il menu della dieta Pegan
La dieta Pegan prevede di mangiare soprattutto:
- alimenti vegetali, quindi frutta e verdura che dovrebbero essere almeno il 70% del cibo assunto giornalmente Quindi devono consistere in due terzi di ogni pasto.
- poi le proteine che costituiscono il 25% degli alimenti consumati a pranzo e cena. In parte si tratta di proteine animali (soprattutto carne, pollame e pesce azzurro di taglia piccola perché meno contaminato dai metalli pesanti, ma anche uova, noci, semi e legumi. Rispetto alla classica dieta paleolitica l’apporto proteico è di gran lunga minore perché i veri protagonisti sono i vegetali.
- Infine, una piccola quota di nutrienti dovrebbe provenire dai grassi buoni, quindi da cibi ricchi di omega3 come il pesce, le olive, l’avocado e i semi di lino.

Alimenti da evitare
La dieta Pegan indica anche una serie di alimenti da evitare o almeno limitare. Si tratta di tutti gli oli vegetali ricchissimi di Omega 6 come l’olio di colza, soia e mais da sostituire con grassi vegetali fonti di omega 3 come l’olio extravergine d’oliva. Poi vanno limitati anche glutine e cereali in generale, compresi quinoa e riso avena amaranto. Latte e latticini sono banditi in tutte le loro varianti (quindi addio a latte, burro, formaggio e yogurt). Infine via i legumi, soprattutto fagioli, e la soia.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1602669922-3-toys-in.jpg

Cosa devi sapere sulla dieta Pegan
Questa dieta, che in effetti è soprattutto un regime alimentare stabile, promette quello che mantiene? Riesce davvero a far perdere peso velocemente? Il fatto di eliminare i cibi trasformati è già di per sé un grande stimolo alla perdita di peso.
Un’alimentazione fatta soprattutto di cibi freschi e di vegetali è garanzia di dimagrimento a priori, soprattutto se si proviene da una dieta poco equilibrata. L’unico punto controverso, secondo i parei medici, è la quasi totale eliminazione dei carboidrati. Eliminarli del tutto non è una scelta che si può fare a cuor leggero, soprattutto se si svolge un’attività fisica intensa, lavorativa o sportiva. Per questo raccomandiamo di consultare un medico specializzato in nutrizione o un dietologo esperto.


© Riproduzione riservata