Benessere Grassi

Omega-3: perché inserirli nella dieta

Grassi buoni e grassi cattivi

Gli acidi grassi omega-3 sono acidi grassi polinsaturi che troviamo in alimenti piuttosto comuni sulle nostre tavole, quali il pesce e la frutta secca e in alcuni oli vegetali e semi (lino, canapa e girasole). Il nostro organismo non è in grado di sintetizzarli, per cui è necessario assumerli con l'alimentazione. Integrare la dieta con cibi contenenti omega-3 non sembrerebbe avere una ricaduta diretta sul dimagrimento, ma indirettamente promuovono degli effetti che possono avere come risultato il dimagrimento. La dieta mediterranea viene ritenuta un regime alimentare che bilancia in maniera corretta la presenza di questi nutrienti.

Grassi omega-3: cosa sono
Il precursore di questi grassi buoni per la salute è l'acido alfa-linolenico (ALA), da cui derivano l’acido eicosapentaenoico (EPA) e quello docosaesaenoico (DHA). Questi due grassi essenziali EPA e DHA si trovano in pesci quali sardina, aringa, sgombro, tonno. L’ALA (acido alfa-linolenico) è presente invece negli alimenti vegetali ad esempio nella frutta a guscio, nei semi oleosi, frutta a guscio, negli oli derivati e nella soia.

Omega-3 e salute
I primi studi in proposito sono stati realizzati alla metà del 1900. In particolare gli scienziati hanno indagato a fondo le ragioni di un curioso paradosso. Nonostante gli eschimesi per combattere il freddo si alimentassero con una dieta a base di grassi animali, ciò non incideva sull'aumento del rischio delle patologie cardiovascolari. L'ipotesi dei ricercatori era quindi che gli omega-3, molto presenti nella dieta degli Inut, ad esempio nel salmone e negli altri pesci di cui facevano un largo consumo, potessero costituire un fattore protettivo.
In particolare riguardo agli effetti sulla salute cardiovascolare questi grassi sono in grado di diminuire i livelli di trigliceridi nel sangue e di colesterolo cattivo (LDL), ulteriore fattore di rischio per la salute del cuore, e nel contempo aumentano i valori del colesterolo buono (HDL). Gli acidi grassi omega-3 sono utili perché hanno una azione anti-infiammatoria e potenziano anche il sistema immunitario. Il Dha in particolare è molto importante per i bambini perché questa sostanza concorre allo sviluppo del sistema nervoso centrale nei primi anni di vita. Negli adulti invece ha un effetto protettivo sulle cellule nervose, in particolare stimola la memoria e la concentrazione. L'EPA e il DHA fanno anche bene alla pelle perché costituiscono le membrane cellulari.
Ma gli acidi grassi essenziali omega-3 possono rivelarsi utili anche per quanto riguarda il dimagrimento. In questo senso alcuni test clinici hanno evidenziato che questi grassi favoriscono l'equilibrio metabolico e quindi risultano utili per prevenire l'aumento di peso, in particolare il grasso localizzato a livello addominale, che è quello considerato più pericoloso.