Benessere Scelta di dimagrire

Qual è il momento giusto per iniziare una dieta?

Alle buone intenzioni seguano i fatti.

Qual è il momento giusto per iniziare una dieta?

Se abbiamo qualche chilo di troppo da smaltire non possiamo pensare di ritornare al peso forma in un battibaleno con la bacchetta magica. Rimettersi in forma richiede tempo, buone abitudini alimentari da osservare tutto l'anno e la perseveranza. Una volta che abbiamo deciso di iniziare una dieta dobbiamo rivolgerci a un esperto, un nutrizionista o un dietologo, che sarà il nostro Virgilio in questo percorso per aiutarci a raggiungere l'obiettivo che ci siamo prefissati, ad esempio il dimagrimento, il mantenimento del peso forma etc. Insomma è importante che alle buone intenzioni seguano i fatti.

Dieta: quando iniziarla?
Secondo vari studi è importante anche scegliere bene il giorno della settimana in cui vogliamo iniziare una dieta. In questo senso il giorno ideale è la domenica o il lunedì, mentre il giorno meno indicato è il martedì. Questo perché la domenica si è meno stressati rispetto agli altri giorni e si ha voglia di iniziare la nuova settimana all'insegna del cambiamento, in questo caso dello stile alimentare. D'altronde iniziando la dieta di domenica, fino al sabato successivo abbiamo tutto il tempo per far abituare l'organismo al nuovo regime alimentare. Generalmente se abbiamo 5 o 6 chili da smaltire potremmo riuscirci in circa due o tre mese.

Iniziare una dieta: l'importanza della motivazione
Sappiamo che ogni viaggio comincia con un piccolo passo. Possiamo trasporre questo concetto anche in fatto di dieta. Infatti non possiamo stravolgere di punto in bianco il nostro stile alimentare, piuttosto possiamo apportarvi pian piano nel tempo dei cambiamenti graduali. E' sempre importante preservare il benessere fisico e psicologico. Se vogliamo cominciare una dieta dobbiamo tenere conto che deve rispondere ad aspettative realistiche e realizzabili. In questo modo aumenta anche la nostra autostima e la voglia di migliorarci continuamente. Qualche piccolo esempio pratico può essere di chiarimento: se siamo soliti saltare la colazione iniziamo a farla. Se mangiamo dolci a fine pasto ogni giorno cominciamo a non farlo per un giorno e proseguiamo a scalare, concedendoci questo peccato di gola solo un giorno alla settimana. Se ceniamo fuori casa due tre volte alla settimana limitiamo a una volta alla settimana, magari il sabato sera.
Non pesatevi tutti i giorni, farlo potrebbe condizionarvi la giornata in senso negativo anche perché il nostro peso nell'arco della giornata può subiire molte oscillazioni. Piuttosto è sufficiente farlo una volta alla settimana, non di più.
In linea generale una dieta sana e equilibrata da seguire per tutto l'anno potrebbe essere la seguente. Si tratta di uno schema generale, ma solo il dietologo potrà prepararvi il piano alimentare relativo al vostro caso specifico.
Frutta e verdura sono alimenti a bassa densità calorica che ci forniscono nutrienti essenziali per una dieta sana, quali vitamine, fibre e sali minerali. Andrebbero consumate 2 o 3 porzioni di frutta al giorno. Tuttavia non bisogna esagerare perchè la frutta contiene anche zuccheri semplici. Le verdure possono consumarsi sia a pranzo che a cena, sia crude che cotte. Alterniamole.
I legumi, oltre a fornirci un buon apporto di fibre, costituiscono una importante fonte di proteine. Possono quindi alternarsi agli altri alimenti proteici quali carne, pesce formaggi e uova.

I cereali da preferire sono quelli integrali rispetto ai raffinati perchè ci danno un maggior apporto di vitamine e sali minerali e aumentano il senso di sazietà grazie alle fibre. Se associati ai legumi e le verdure costituiscono un pasto completo.
Tra gli alimenti da limitare troviamo invece il burro, lardo e in generale quelli contenenti i grassi saturi. Come condimento è da preferirsi l'olio extra vergine di oliva, ma anche in questo caso non bisogna esagerare perché è piuttosto calorico.
Diminuire il consumo di sale e in ogni caso è da preferirsi quello iodato. Non dimentichiamo l'importanza di una corretta idratazione. In questo senso dobbiamo bere circa 1,5-2 litri di acqua al giorno. D'estate in particolare perdiamo molti sali minerali tramite il sudore, per cui nel caso in cui pratichiamo una attività fisica dobbiamo bere ancora di più.
Per quanto riguarda le bevande sono da limitare invece quelle zuccherate, i succhi di frutta, le caramelle e lo zucchero in generale. Se abbiamo voglia di qualcosa di dolce possiamo acquistare un prodotto da forno che non contenga creme o ancora meglio preparare i biscotti in casa. L'alcol non è un nutriente perchè ci fornisce solo calorie inutili, per cui il consumo di bevande alcoliche va limitato.


© Riproduzione riservata