Appuntamenti Santa Croce Camerina

Per San Giuseppe a Santa Croce il pane a forma d’uva

Le cene in onore del Santo

Santa Croce Camerina - Ricco ma, soprattutto, significativo il programma delle iniziative predisposte dall’Amministrazione comunale di Santa Croce Camerina in occasione delle giornate clou dei festeggiamenti in onore del Patrono San Giuseppe.

Significativo perché in un grave momento come quello attuale, contrassegnato da una crisi economica che non lascia scampo, è stato deciso di modellare l’undicesima edizione della sagra tradizionale oltre che sulle caratteristiche “cene” predisposte dagli studenti e dalle famiglie, anche sulla promozione dei prodotti tipici del territorio, sia in campo artigianale che agricolo. “Una scelta che abbiamo fatto – sostiene il sindaco Franca Iurato – perché non possiamo essere dimentichi di tutto quello che sta accadendo attorno a noi, con molte famiglie che non hanno più il necessario per tirare avanti. Abbiamo dunque cercato di adattare questa iniziativa alla necessità per le imprese locali, considerato il gran numero di visitatori che si registrerà nella due giorni, di mettere in mostra i propri prodotti”. Il programma, redatto a quattro mani dal primo cittadino con l’assessore al Turismo Rosalba Varcadipane, prenderà il via venerdì 15 marzo quando, dalle 9 sino a tarda sera, sarà possibile visitare le cene di San Giuseppe allestite all’istituto comprensivo “Psaumide”, all’istituto “Fabio Besta”, entrambi in piazza degli Studi, e al centro diurno per anziani, in via San Felice 1. Sabato 16 e domenica 17 marzo, invece, è in programma la sagra che prenderà il via alle 9 in piazza Celestri, via Rinzivillo, e che andrà avanti sino a sera. In particolare riflettori sulla: mostra e laboratorio del pane, mostra di prodotti ortoflorovivaistici, mostra di artigianato locale e degustazione di prodotti tipici. Da precisare che la preparazione del pane sarà fatta il sabato dalle 10 alle 12 e dalle 18 alle 20, nonché la domenica dalle 10 alle 12. Sarà l’occasione per vedere all’opera artigiani del gusto che preparano il pane seguendo le antiche tradizioni. La degustazione, invece, sarà effettuata negli orari di pranzo e cena, sia il sabato che la domenica. Sabato, alle dodici, dalla parrocchia di San Giovanni Battista, l’uscita della processione, con i figuranti che interpretano la Sacra Famiglia, per la visita alle “cene” dei due istituti scolastici e del centro diurno per anziani. La serata, poi, alle 21,30 sarà caratterizzata dallo spettacolo di Sara Grimaldi, corista ufficiale di Zucchero Fornaciari, che si esibirà in piazza Vittorio Emanuele con una “Tribute band” dedicata al cantautore emiliano. Occorre aggiungere che, in questo contesto, il sabato, dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 23, e la domenica, dalle 10 alle 13, sarà possibile recarsi in piazza Vittorio Emanuele dove è attivo un servizio di hostess che fungerà da guida ai visitatori per apprezzare più da vicino le varie “cene” realizzate in città, sia private che pubbliche. La domenica mattina, poi, grande attesa per un altro evento specifico, quello della “cena” all’asta nel corso della quale saranno messi in vendita, ad offerta, vari prodotti tipici del territorio e il cui ricavato servirà per sostenere la parrocchia. Alle 12 di domenica, quindi, l’uscita della processione dalla chiesa Madre con i figuranti che rappresenteranno San Giuseppe, la Madonna e Gesù bambino ancora una volta per celebrare un evento che affonda le radici in una tradizione radicata e risalente. “Abbiamo pensato – continua l’assessore Varcadipane – di dare piena visibilità agli artigiani locali mettendo in luce, a differenza degli altri anni, ciò che riescono a realizzare. In vetrina anche le imprese del settore ortoflorovivaistico che, tra l’altro, allestiranno uno stand per la vendita di primaticci il cui ricavato sarà utilizzato per l’acquisto di defibrillatori da collocare in luoghi pubblici della nostra città”.

 


© Riproduzione riservata